Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Controlli dei carabinieri sulle piste di Pescegallo, nei guai 17 sciatori

lunedì, 20 gennaio 2020

Gerola Alta – Controlli dei carabinieri nella stazione sciistica “Pescegallo” a Gerola Alta (Sondrio). Nel pieno della stagione invernale i controlli dei carabinieri si estendono a tutti gli impianti sciistici della provincia.

carabinieri sciatori 2Nell’ultimo fine settimana particolare attenzione è stata rivolta alla Val Gerola, nel comune di Gerola Alta. Ai controlli hanno partecipato militari della Stazione di Morbegno, del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Sondrio, due unità cinofile del Nucleo Carabinieri Cinofili di Orio al Serio (Bergamo) e due carabinieri sciatori della stazione di Chiesa in Valmalenco.

Controllati 30 i veicoli di turisti in arrivo nella località e 42 persone: 2 le persone segnalate alla Prefettura quali assuntrici di sostanze stupefacenti perché segnalate dai cinofili e trovate in possesso di spinelli già confezionati con tabacco e marijuana nonché di ulteriore marijuana, sempre destinata all’uso personale. I segnalati sono un pregiudicato 35enne della bassa Valtellina e un 40enne residente a Monza.

I militari sciatori si sono concentrati invece sul rispetto delle norme di sicurezza sulle piste e fuori pista. Decine gli sci alpinisti controllati, amanti del fuori pista, tutti equipaggiati come previsto con pala, sonda e arva, ma 15 di questi sono stati sanzionati per violazione dell’articolo 14 della legge regionale 26/2014 poiché, equipaggiati anche con pelli di foca per il fuori pista, percorrevano le piste battute destinate allo sci alpino mettendo a rischio la propria incolumità e quella degli altri sciatori.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136