Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Colorina: morto a Milano, i familiari di Edoardo chiedono chiarezza

venerdì, 22 maggio 2020

Colorina – Sequestrato il cellulare e aperto un fascicolo dalla Procura di Milano per far luce sulla morte di Edoardo Miotti, 31 anni, originario di Colorina (Sondrio) e da anni trasferitosi a Milano, dove lavorava come commesso in un atelier della centralissima via Bagutta. Il valtellinese è stato ritrovato privo di vita nel suo appartamento lo scorso 19 aprile e gli inquirenti in prima battuta avrebbero liquidato il caso come suicidio. Invece la famiglia vuol vederci chiaro, ha nominato l’avvocato Fabrizio Consoloni che ha presentato una memoria contro l’archiviazione del caso. Ora il sostituto procuratore di Milano, Silvia Bonardi, ha aperto un fascicolo a carico di ignoti. Le indagini proseguono e dopo il sequestro del cellulare sarà disposta, appena possibile, l’autopsia. La famiglia Miotti chiede di chiarire la dinamica della morte di Edoardo e, alla luce dei provvedimenti adottati dal magistrato, sembra in serio dubbio l’ipotesi suicidio.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136