Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Brescia, chiuso laboratorio tessile cinese clandestino

venerdì, 31 luglio 2020

Brescia – Nel capoluogo bresciano chiuso laboratorio tessile cinese clandestino. Nel mirino di un servizio disposto dal Questore della Provincia di Brescia, finalizzato alla prevenzione e repressione delle attività irregolari e illegali che operano nel territorio bresciano, è finito un laboratorio tessile cinese di Brescia, dove gli agenti della Questura di Brescia hanno trovato sei operai impegnati nell’attività di cucitura, lavorazione e confezionamento di abbigliamento.

polizia ispettore lavoroIl blitz è scattato nella mattinata di ieri, quando i poliziotti unitamente a personale dell’Ispettorato del Lavoro e dell’ATS Brescia, hanno fatto irruzione nel laboratorio clandestino sito in via Voltolina. Il laboratorio, gestisto da un 41enne cinese, non era  in possesso di alcuna autorizzazione amministrativa per esercitare l’attività tessile.

Al suo interno gli agenti della Squadra Amministrativa della Questura di Brescia hanno sorpreso sei cittadini cinesi, in regola con il soggiorno sul territorio nazionale ma privi di contratto di lavoro. Tutti gli operai erano costretti a lavorare in condizioni precarie, sia in ambito igienico-sanitario che in quello sulla sicurezza sui luoghi di lavoro senza rispettare le prescrizioni in materia di contenimento del coronavirus.

Nella struttura, sono state scoperte numerose stanze abusive, alcune prive di finestre, nonchè una zona dedicata alla preparazione di pasti e un servizio igienico in precario stato di  manutenzione e pulizia. Pertanto, la Divisione Polizia Amministrativa ha proceduto a redigere il verbale di contestazione amministrativa per la violazione delle norme  in atto per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19 a carico del responsabile, oltre ad applicare contestualmente la chiusura dell’attività per cinque giorni, in attesa dell’applicazione della sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell’attività da parte del Prefetto.

Inoltre, personale dell’Ispettorato del lavoro – ai sensi dell’art.4 D.lvo 81/2008 – ha sospeso l’attività in questione per la presenza di sei dipendenti privi di regolare contratto di lavoro, mentre personale dell’Ufficio Immigrazione valuterà tutte le posizioni amministrative dei lavoratori trovati all’interno del laboratorio.

Il Questore Leopoldo Laricchia ha così commentato l’operazione: “Si tratta di attività delittuose che pregiudicano la salute e il lavoro quali diritti costituzionalmente garantiti e pertanto devono essere colpite con assoluto rigore, vieppiù nell’attuale emergenza epidemiologica di rilevanza internazionale che ha richiesto l’adozione di misure eccezionali di contenimento del contagio sia in riferimento alla circolazione delle persone che  all’esercizio delle attività commerciali e aziendali ” .



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136