Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Breno, omicidio Mesiano: il Gip convalida il fermo di Vincenzo Capano

lunedì, 14 settembre 2020

Breno – Ha strozzato e ucciso la madre, Vincenzo Capano resta in carcere. Il Gip del tribunale di Brescia, Cristian Colombo, ha convalidato il fermo e disposto la custodia cautelare in carcere a Brescia del 25enne. che giovedì scorso ha ucciso la madre Francesca Mesiano, 53 anni. La scena del delitto è stata ripercorsa davanti al Gip e il giovane di Breno (Brescia) ha confermato la versione già raccontata al Pm Roberta Panico e le dichiarazioni rese ai carabinieri della Compagnia di Breno. Il giovane è accusato di omicidio volontario aggravato dal rapporto di parentela.

omicidioL’autopsia svoltasi all’istituto di medicina Legale di Brescia ha confermato il racconto del giovane e gli elementi raccolti dai carabinieri della Compagnia di Brescia, guidati dal capitano Filiberto Rosano. Il delitto sarebbe avvenuto tra le 17 e le 18 di giovedì scorso nell’alloggio popolare – messo a disposizione del Comune di Breno – di via Ghislandi. Francesca Mesiano è morta strozzata. La famiglia era assistita dai servizi sociali.

Dopo l’interrogatorio del Gip e la convalida del fermo del giovane brenese, il legale che assiste Vincenzo Capano, l’avvocato Gerardo Milani, ha annunciato che avanzerà l’istanza per eseguire una perizia psichiatrica.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136