QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Blitz della Guardia di Finanza e polizia municipale di Merano, sequestrati 50mila articoli pericolosi

martedì, 16 dicembre 2014

Merano – Operazione della Guardia di Finanza e polizia municipale di Merano  che hanno sequestrato merce potenzialmente pericolosa. I militari della Guardia di Finanza di Merano, con la collaborazione della locale Polizia Municipale, hanno sottoposto a sequestro circa 50 mila articoli non conformi alla normativa sul consumo e CE e, quindi, potenzialmente pericolosi.

Nel corso degli ordinari servizi di controllo economico del territorio, intensificati durante il periodo delle feste, ove crescono i consumi soprattutto nel settore dei giocattoli, degli articoli da regalo e pirotecnici, nonché negli aFinanza Merateddobbi natalizi, è stata effettuata un’attenta attività di monitoraggio dei prodotti immessi in commercio, volta a controllare il rispetto della normativa sull’etichettatura dei prodotti CE, nonché sul rispetto delle norme in materia di contraffazione marchi e possesso di materiale esplodente. Finanzieri e Agenti della Polizia Municipale hanno quindi sottoposto a controllo n.05 attività commerciali gestite da altrettanti cittadini cinesi nei comuni di Merano, Lana, Postal e Gargazzone, dove la merce posta in vendita è risultata essere non in regola con le vigenti disposizioni.

Sono stati sequestrati: 344 articoli (profumi e giocattoli) con marchio contraffatto; 113 giocattoli privi del marchio CE; 138 prodotti elettrici con marchiatura CE irregolare; 42.648 articoli vari (matite, braccialetti, luci natalizie) per violazione alla normativa sull’etichettatura prodotti. Tale merce, assolutamente non conforme alla normativa nazionale e comunitaria, sprovvista di indicazioni d’uso in lingua italiana e, quindi, potenzialmente pericolosa, è stata ritirata dal mercato, escludendo qualsiasi rischio, in particolare per i giovani consumatori.
I titolari delle aziende controllate sono stati segnalati a vario titolo alla Procura della Repubblica di Bolzano e alla Camera di Commercio e oltre alle sanzioni penali, rischiano sanzioni amministrative che possono arrivare fino a diverse decine di migliaia di euro. Le indagini ora proseguiranno con la ricostruzione della filiera di commercializzazione dei prodotti, per individuare gli ulteriori responsabili. L’attività sopradescritta si inquadra nel settore della tutela del consumatore e del mercato; infatti, la commercializzazione di oggetti con marchi contraffatti o comunque di dubbia provenienza produce danni sia ai produttori di beni originali, che spesso fanno grandi investimenti per migliorare i prodotti, ma anche ai consumatori finali. Questi ultimi infatti devono sapere l’origine e la provenienze dei prodotti che acquistano nonché avere informazioni chiare e precise della tipologia di prodotto che acquistano e delle modalità di utilizzo dello stesso. Continua così l’impegno delle Fiamme Gialle, a fianco delle altre Forze di polizia, con le quali la collaborazione è sempre attiva, per consentire ai cittadini di vivere un Natale e un fine anno più sicuro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136