Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Assenza di misure anti-Covid, l’Ispettorato del Lavoro di Bergamo sospende attività

mercoledì, 27 maggio 2020

Bergamo – L’ITL di Bergamo sospende un’attività imprenditoriale per assenza di misure anti-covid. Somministrazione illecita di lavoratori, scarse misure igieniche e assenza di idonee misure per il contenimento della diffusione del covid-19 sul luogo di lavoro. Questa è stata la situazione riscontrata il 26 maggio in un’ispezione congiunta tra Ispettorato del Lavoro e ispettori dell’ATS nell’ambito dei controlli per la verifica del rispetto delle misure per il contenimento della diffusione del covid-19 sui luoghi di lavoro.

Si tratta di controlli avviati sul territorio sotto la regia della Prefettura di Bergamo e che vedono impegnate varie forze di Polizia, soprattutto in chiave di supporto alle aziende per la corretta ripresa delle attività produttive. Ma lo scenario presentatosi ieri davanti agli occhi degli ispettori del lavoro e dell’ATS è stato troppo critico per permettere la prosecuzione dell’attività. Si tratta della prima sospensione dopo un centinaio di controlli ed è stata comminata dal Nucleo Carabinieri dell’Ispettorato del Lavoro di Bergamo, in base ai poteri attribuiti alle forze di pubblica sicurezza dal D.L. 19/2020.

Gli accertamenti proseguiranno ora d’ufficio e gli ispettori del lavoro verificheranno se, oltre alle gravi carenze sulle misure anti-covid, vi siano anche ipotesi di sfruttamento dei 12 lavoratori dell’azienda.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136