Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Arresti e denunce: gran lavoro dei carabinieri in Valtellina e Valchiavenna

mercoledì, 19 agosto 2020

Sondrio – Servizi di contrasto alla criminalità, controllo del traffico e tutela dei cittadini, servizi di contrasto alla criminalità da parte dei carabinieri del comando provinciale di Sondrio, guidati dal colonnello Emanuele De Ciuceis. Alla luce dell’intensificarsi del movimento turistico estivo che ha interessato la provincia di Sondrio nella settimana di ferragosto ed al consequenziale possibile aumento degli episodi di criminalità, è stata disposta l’esecuzione di qualificati servizi di controllo del territorio.

carabinieri - SondrioL’ATTIVITA’ - I carabinieri sono stati impegnati in tutta la provincia con diversi servizi, impiegando 230 pattuglie per un totale di circa 550 carabinieri del Nucleo Radiomobile e delle tre Compagnie locali. Sono stati rafforzati i servizi di controllo alla viabilità stradale e di controllo in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro: 12 sono le persone denunciate per guida in stato di ebbrezza alcolica, quattro quelle denunciate per guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti o psicotrope, due denunciate per furto, due per lesioni personali e minacce, una per omissione di soccorso a seguito di incidente stradale, una per esercizio abusivo di una professione, una per atti persecutori, una per maltrattamenti in famiglia, una per violazione dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa.

VALCHIAVENNA - In Valchiavenna, nell’ambito di mirati servizi di verifiche e controlli nei locali pubblici, personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Sondrio, ha contestato violazioni amministrative per un totale di 10mila euro.

TIRANESE - Sul fronte della prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope, i carabinieri della Compagnia di Tirano hanno inoltre tratto in arresto due giovani residenti in zona, B.S. e B.R., rispettivamente classe 1996 e 1997, già conosciuti per reati inerenti gli stupefacenti. Durante il controllo i carabinieri hanno rinvenuto, occultati all’interno delle maniglie della vettura che trasportava i due sospettati, 54 grammi di cocaina e 3 grammi di hashish. Nelle abitazioni dei due è stato inoltre sequestrato un bilancino di precisione e del materiale per il confezionamento della droga, prove della destinazione allo spaccio della sostanza. Uno dei ragazzi è stato anche sottoposto ad accertamenti medici per aver dichiarato di aver ingerito della droga per sfuggire al controllo; accertamenti che non hanno destato preoccupazioni ai sanitari ed è stato dimesso senza ulteriore prognosi. Per i due, arrestati con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, l’Autorità Giudiziaria ha disposto gli obblighi cautelari della reclusione in carcere per B.S. mentre per B.R. è stata comminata la misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Tirano.

VALMALENCO - In Valmalenco, a seguito di calamità naturale, i carabinieri sono prontamente intervenuti per sopperire alle improvvise esigenze logistiche e a supporto della popolazione, colpita dai tragici fatti che hanno causato la morte di 3 persone ed il ferimento di altre due; in particolare nel periodo in cui la frazione di Chiareggio è rimasta isolata i militari dell’Arma hanno garantito comunque la propria presenza in quella località prodigandosi anche per consegnare le medicine a domicilio a coloro che erano impossibilitati a provvedervi autonomamente.

Servizi finalizzati a fornire vicinanza e assistenza soprattutto a persone più fragili, quali ad esempio gli anziani, sono stati effettuati in tutta la provincia, in particolare in quegli abitati più isolati e difficilmente raggiungibili che nel periodo estivo tendono a svuotarsi ulteriormente, accentuando ancor più l’isolamento delle persone in difficoltà. Questo tipo di attività, ovviamente, continuerà per tutto il periodo estivo.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136