Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Al volante senza patente in Valle Camonica, multa da 5mila euro e denuncia

sabato, 13 giugno 2020

Cividate Camuno – Al volante senza patente in Valle Camonica: ennesimo cittadino che pensa di beffare la Polizia Stradale, non solo guidando senza patente ma anche fornendo false generalità.

Polizia Stradale Darfo Boario Terme GdvIl conducente è un italiano sulla sessantina che alla guida di una Smart, a Cividate Camuno, si è sfortunatamente imbattuto nella pattuglia di Darfo Boario Terme. Dopo uno scambio di domande e risposte non convincenti con il conducente, la pattuglia ha deciso di approfondire la situazione accertando che i dati forniti erano quelli del cugino, smascherando così le sue doti di attore. Un comportamento che gli è costato caro: visto che non gli si è potuto ritirare la patente dal momento che non ne era in possesso, la polizia ha proceduto a sanzionarlo con il pagamento di 5mila euro di multa e lo ha anche denunciato per false generalità.

ALTRE SANZIONI DELLA POLIZIA STRADALE NEL BRESCIANO
Con la ripresa del traffico sono stati intensificati i controlli sui mezzi pesanti, le pattuglie di Montichiari hanno beccato alcuni autotrasportatori che violavano la normativa in materia di trasporti internazionali. In due distinti controlli in Brescia, il primo in via Borgosatollo e il secondo al casello di Brescia Centro, due conducenti di mezzi pesanti stranieri (rumeni), effettuavano trasporti merce tra l’Italia e la Romania senza però possedere i documenti di accompagnamento previsti per i colli trasportati. La merce caricata nel paese di origine veniva trasportata abusivamente in varie destinazioni; a seguito di accertamenti si è però potuto ricostruire la provenienza e la destinazione e in alcuni casi si è potuto accertare anche il compenso pagato a prova del trasporto abusivo. Entrambi i conducenti venivano verbalizzati con una salata sanzione di 2mila euro. La normativa relativa a questi trasporti prevede che la merce abbia una documentazione di provenienza e destinazione prevista dai trattati internazionali.

Non solo i documenti di trasporto ma anche quelli di guida sono sotto osservazione: durante le ore notturne presso il casello di Brescia est e l’area di servizio Ghedi Ovest, sempre personale di Montichiari fermava altri autotrasportatori rumeni con carta di qualificazione del conducente della Moldavia non conforme alla direttiva del Parlamento Europeo. Anche in questo caso entrambi i conducenti venivano sanzionati con una multa di € 409,00 ed il fermo amministrativo di 60 giorni del veicolo. L’attività sanzionatoria non si limita ai soli conducenti ma anche alla ditta proprietaria del veicolo che non ha accertato la validità dei documenti dei propri autisti.

Massima attenzione anche per quanto concerne l’attività di controllo della polizia stradale sul territorio cittadino nei confronti dei commercianti ambulanti abusivi di frutta e verdura che invadono porzioni di strade, marciapiedi e piazze per l’esposizione e vendita delle merci.

A finire nel mirino della pattuglia di Chiari un ambulante residente a Liscate sorpreso a vendere prodotti alimentari (frutta e verdura) lungo la strada, stazionando nei pressi dello svincolo della Variante A35 a Vignate. Oltre alla contravvenzione gli è stato imposto l’obbligo di rimuovere le opere abusive.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136