Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Trento Smart City, un successo l’edizione 2019. I numeri

lunedì, 23 settembre 2019

Trento – Numeri da record a Trento Smart City: oltre novecento cittadini in Piazza Duomo per attivare SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale).  Si è chiusa la terza edizione di Trento Smart City, la kermesse che ha visto protagonista il sistema trentino dell’innovazione. Sono stati 8 giorni di iniziative, tavole rotonde, workshop, presentazioni e conferenze per capire, spiegare e provare cosa significhi essere “Cittadini al tempo del digitale”.

Tra i punti di forza dell’evento la possibilità per i cittadini di ottenere SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale). Sono stati 920 i cittadini che in 3 giorni hanno attivato le proprie credenziali personali di accesso ai servizi digitali. Lo strumento di identità digitale, valido in Italia ma anche in tutti i Paesi europei, permette di comunicare in maniera facile e sicura con tutta la Pubblica Amministrazione, senza dover recarsi di persona negli uffici.

TNsmartCity © MoniQueFotoI numeri dell’evento

Sono state 8 le giornate dedicate all’evento, 3 le sezioni: Protagonisti Digitali, Fuoripiazza, Villaggio Digitale al cui interno sono state proposti Caffè e aperitivi digitali, Demo, Laboratori, Presentazioni e Scuola digitale.

Oltre 140 gli eventi, 180 i relatori coinvolti, 4 le sale per i talk, 6 gli stand espositivi al Villaggio Digitale in piazza Duomo attivati dal Comune di Trento, dalla Provincia autonoma di Trento, da Azienda sanitaria, Trentino Salute, da Trentino Network, Fondazione Bruno Kessler, da Università di Trento, da Consorzio dei Comuni trentini, dal MUSE che hanno visto un afflusso complessivo di circa 16.000 visitatori assistiti da oltre 200 persone fra dipendenti degli Enti che si sono alternati al Villaggio Digitale.

Sette i Protagonisti Digitali che si sono alternati a Palazzo Geremia. Partendo dalla propria esperienza personale e professionale, hanno condiviso nuovi positivi punti di vista per aiutarci a vivere al meglio la realtà in cui siamo immersi. Si è parlato di cyberbullismo con Paolo Picchio, di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione con Luca Attias e Gianni Dominici, dell’importanza dell’educazione al digitale con Alfonso Fuggetta, della digitalizzazione dell’informazione con Paolo Borrometi, di diritti e doveri digitali dei cittadini con Ernesto Belisario e delle opportunità lavorative che offre il digitale con Anna Marino.

Ben 20 gli eventi Fuoripiazza con attività che si sono svolte al di fuori del Villaggio digitale di Piazza Duomo.

File continue per tutti e 3 i giorni allo stand SPID per ottenere e provare il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Sono stati 920 i cittadini che hanno attivato le credenziali per comunicare in maniera facile e sicura con tutta la Pubblica Amministrazione.
Durante l’attivazione il personale provinciale ha illustrato ai cittadini il funzionamento dell’intero sistema, mostrando in tempo reale come accedere ai servizi, e utilizzando anche la postazione demo per spiegare a gruppi di cittadini come navigare nel portale www.servizionline.trentino.it e conoscere e usufruire dei servizi presenti.

Il ruolo della Pubblica amministrazione nella trasformazione digitale ed i servizi da essa offerti sono stati al centro dello stand allestito dalla Provincia autonoma di Trento nel Villaggio Digitale in Piazza Duomo. In particolare sono stati presentati alcuni progetti che negli ultimi anni sono stati realizzati da 13 realtà provinciali, nello specifico: l’Unità di missione strategica semplificazione e digitalizzazione, il Dipartimento Organizzazione personale e affari generali, il Servizio trasporti pubblici, il Servizio Bacini Montani, il Servizio autorizzazioni e valutazioni ambientali, il Servizio Urbanistica e tutela del paesaggio, il Servizio autorizzazioni e valutazioni, il Servizio prevenzione rischi, il Servizio Formazione professionale, formazione terziaria e funzioni di sistema, il Dipartimento artigianato, commercio, promozione, sport e turismo, il Dipartimento salute e politiche sociali e l’Agenzia Provinciale famiglia, natalità e politiche giovanili. Il Servizio ICT e Trasformazione Digitale, oltre ad organizzare lo stand, ha illustrato i servizi online e presentato al giudizio dei cittadini la futura home page del portale istituzionale.

Allo stand del Comune di Trento più di 200 persone hanno provato lo sportello online sportello.comune.trento.it autenticandosi con la nuova identità SPID sugli Smart Point disponibili, compilando il modulo e avviando una istanza online.

Presso gli stand di TrentinoSalute4.0 e Apss sono stati 423 i cittadini che hanno installato l’App TreC_FSE e oltre 50 l’App Salute+. Nello stand di Apss sono state più di 100 le persone che hanno potuto visitare “virtualmente” il Centro di protonterapia grazie ai visori ProtonVR e alla realtà virtuale. Posti esauriti per le visite “reali” al Centro di via al Desert: 60 le persone che hanno potuto scoprire, guidati da medici e tecnici del Centro, la struttura altamente specialistica per la cura dei tumori.

Anche gli studenti sono stati protagonisti di Trento Smart City Week: 50 i ragazzi coinvolti nell’organizzazione attraverso l’esperienza di alternanza scuola/lavoro e 5 i tirocinanti dell’Università di Trento. Non è mancata l’attenzione per i più piccoli con il “Baby Village”, dei laboratori creativi e di intrattenimento in lingua inglese sul tema Smart City proposti da Pingu’s English Trento a bambini dai 3 ai 12 anni.

Un evento smart comunicato attraverso una ventina di comunicati stampa, il sito www.smartcityweek.it (oltre 20.000 le visualizzazioni di pagina nei giorni dell’evento) e gli immancabili social (Twitter, Instagram, Facebook).

Infine 15 i luoghi di Trento Smart City: Piazza Duomo, Palazzo Geremia, il MUSE, Artigianelli C-Lab, il MART a Trento, il Centro di Protonterapia, la CUE, Sardagna, il Centro servizi anziani “Contrada Larga”, il Parco di Maso Ginocchio, il Liceo Da Vinci, il Consorzio dei Comuni Trentini, la Biblioteca di Trento, la piazza di Piedicastello, EIT Digital.

Trento Smart City Week è un progetto condiviso da 8 enti promotori: Comune di Trento, Provincia autonoma di Trento, Università degli Studi di Trento, IEEE – Institute of Electrical and Electronics Engineers, Consorzio dei Comuni Trentini, Fondazione Bruno Kessler, Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari e MUSE.

A Trento Smart City hanno partecipato 11 realtà partner, ovvero l’APT Trento – Monte Bondone-Valle dei Laghi, Trentino Sviluppo, la Fondazione Museo civico di Rovereto, Trentino School of Management, IPRASE, HIT, il Mart di Rovereto e l’Istituto Pavoniano Artigianelli.

Sono stati 4 gli sponsor dell’evento Autostrada del Brennero, Gruppo Dolomitoi Energia, Eit Digital e 490 Studio. L’evento è stato possibile, oltre al fondamentale apporto degli sponsor, anche grazie al contributo della Fondazione Cassa di risparmio di Trento e Rovereto, di Cassa Centrale Banca e della Cassa rurale di Trento.

L’evento ha ricevuto il patrocinio del Ministero della Pubblica Amministrazione, di AGID – Agenzia per l’Italia Digitale e ANCI.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136