Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trento, il candidato sindaco Alessandro Baracetti ritira la candidatura

mercoledì, 22 luglio 2020

Trento – Colpo di scena, il candidato sindaco del centrodestra, Alessandro Baracetti ha rinunciato a candidarsi. Dopo l’intervento del leader della Lega trentina, Mirko Bisesti, che invocava un ricompattamento del centrodestra, Alessandro Baracetti ha deciso di lasciare.

Baracetti TrentoCon un messaggio laconico pubblicato sul proprio host di Facebook, il candidato sindaco per il comune di Trento Alessandro Baracetti (nella foto) ha annunciato di aver rinunciato alla candidatura alle elezioni comunali del prossimo mese di settembre. All’origine ci sarebbe l’annuncio del segretario della Lega, in cui parla di “condizioni per il ricompattamento del centrodestra autonomista alle prossime elezioni comunali sono mature”.

Immediata la reazione del candidato per il Centro, Marcello Carli (nella foto sotto), che ha dichiarato: “L’incredibile decisione della Lega di scaricare il candidato sindaco quando mancano meno di due mesi al voto, oltre ad essere evidentemente poco rispettosa nei confronti di Baracetti (cui va la nostra sincera solidarietà personale) testimonia e certifica un livello di improvvisazione e di pressapochismo non adeguato alla nostra comunità. L’intera città è stata incredibilmente presa in giro per mesi in un dibattito virtuale con un candidato che in realtà non lo era. «Pochi, francamente, a Trento potrebbero fare peggio della sinistra vetero-sindacalista di Ianeselli che rappresenta chi ha costretto la città all’immobilismo per 25 anni. Ma la Lega, oggi, ci è riuscita in un capolavoro di cattiva politica. Noi siamo e restiamo con ancora più entusiasmo energia l’unica vera alternativa a questo quadro desolante e pericoloso”.

PATT: unico cambiamento proposto dalla “coalizione del cambiamento” è quello del nome del candidato sindaco

La coalizione del cambiamento, scusateci il gioco di parole, ma è in continuo cambiamento. Però a cambiare non è il modo di far politica, nemmeno le proposte o le idee; quello che cambia è il candidato sindaco. Baracetti non sarà più il candidato della Lega. Scaricato a due mesi dalle elezioni nell’ultimo (forse), maldestro tentativo di ricompattare una coalizione che dalle dichiarazioni di Carli e Zanetti non sembra volersi ricompattare.

Quello che sembra chiaro a tutti è che la Lega non ha le idee chiare di come gestire una campagna elettorale su una città come Trento. Un dato di fatto che rende ancora più evidente l’inadeguatezza di una classe politica che in questo momento sta gestendo la Provincia di Trento.

Come Autonomisti vogliamo esprimere vicinanza umana a Baracetti per quanto accaduto nelle scorse ore: al di là della sua nota, infatti, appare evidente come sia stato usato e poi scartato.

Di fronte ad una commedia, che prende in giro e offende un’intera città, la nostra proposta non cambia e, anzi, con ancora più determinazione continueremo a sostenere il nostro candidato sindaco Franco Ianeselli.

Il PATT crede che oltre i machiavellici giochi politici esistano ancora i valori e le persone. La nostra campagna elettorale sarà nel segno della buona amministrazione e pronta a valorizzare le persone che hanno avuto il coraggio e la voglia di mettersi in gioco con il nostro partito.

Marcello Carli - Trento



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136