Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Siamo a terra: ristoratori e pubblici esercizi trentini scendono in piazza

martedì, 27 ottobre 2020

Trento – C’è anche Trento tra le 24 città italiane che domani ospiteranno la manifestazione di FIPE, la federazione italiana dei pubblici esercizi, “Siamo a terra”. Una manifestazione ordinata, silenziosa, senza eccessi, per ribadire con chiarezza che il settore dei pubblici esercizi e della ristorazione sta soffrendo in modo pesantissimo le limitazioni imposte dalla normativa anti-covid. “Bene le scelte della giunta provinciale – dicono i presidenti delle due associazioni di categoria aderenti a Confcommercio Trentino – ma le perdite sono percentuali a doppia cifra. E per il futuro c’è poco ottimismo”.

L’ora di ritrovo è fissata alle 11.30 in piazza Duomo, a Trento. Lì ristoratori e pubblici esercizi trentini metteranno in scena una protesta civile ma risoluta. Rispettando tutti i protocolli di sicurezza e le disposizioni previste da leggi, dpcm e ordinanze, gli esercenti stenderanno a terra le tovaglie dei loro locali e incroceranno le braccia per mezz’ora: l’obiettivo è fornire una rappresentazione efficace della situazione delle imprese. Ieri il governatore trentino Maurizio Fugatti ha emanato un’ordinanza nella quale consente agli esercizi della provincia orari di apertura più lunghi rispetto a quanto previsto dall’ultimo dpcm di Conte. Ma anche questa misura, pur apprezzata dalla categoria, va accompagnata da adeguati ristorni e sostegni alle aziende.

“Bene l’ordinanza di Fugatti – spiega il presidente dell’Associazione Ristoratori trentini Marco Fontanari – ma le aziende sono comunque messe a dura prova da troppi mesi: la parentesi della stagione estiva non riuscirà ad evitare che moltissime imprese chiudano i bilanci in forte perdita. Con questa manifestazione, che intendiamo svolgere rispettosamente ma con convinzione, chiediamo di porre l’attenzione sulla nostra categoria: abbiamo bisogno di sostegno, di risorse e strumenti per continuare ad esistere. Il settore, in Trentino, conta oltre 3.500 aziende e dà lavoro a quasi 15 mila addetti”.

“Abbiamo sempre rispettato tutti i protocolli – commenta Fabia Roman, presidente dell’Associazione dei pubblici esercizi del Trentino – e infatti i nostri locali sono sicuri, non sono focolai dell’epidemia. Dobbiamo trovare il giusto equilibrio tra salvaguardia della salute pubblica e tutela dell’economia: non possiamo permetterci altri lockdown né altre limitazioni altrimenti sarà un disastro per la nostra categoria. Due ore in più non salveranno sicuramente i bilanci ma sono una boccata d’ossigeno molto utile. Ci aspettiamo che gli aiuti promessi dal governo si traducano in azioni concrete e adeguate alla situazione”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136