Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Mobilità tra regioni da giugno, il ministro Boccia: “Quelle ad alto rischio non potranno riaprire”

mercoledì, 20 maggio 2020

Roma – A margine dei primi report sui primi giorni della Fase 2 (dal 4 maggio scorso) ad oggi non risulterebbero in Italia regioni con rischio alto, ma solo tre territori in cui il rischio è considerato “moderato”: in primis, ovviamente, la Lombardia, a cui si aggiungono Umbria e Molise per via di alcuni focolai “sospetti”.

“L’ipotesi delle riaperture interregionali è già ufficializzata dal presidente del Consiglio ma se qualche regione avrà dei problemi, dovrà chiudere. Niente spostamenti se una regione è ad alto rischio”. A non dare certezza della totale riapertura della mobilità interregionale a partire dal 3 giugno è il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, intervenendo alla Commissione bicamerale sul federalismo fiscale della Camera.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136