Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Maltempo: ancora 5mila case senza elettricità in Alto Adige. Problemi ancora per strade e ferrovie, resta l’allarme

lunedì, 7 dicembre 2020

Val Badia – Ancora 5mila abitazioni senza elettricità, 2mila persone attualmente senza acqua corrente: il punto nella riunione delle 14 del Centro situazioni a Bolzano.

franaDai geologi ai vigili del fuoco, alle organizzazioni di soccorso, ai servizi stradali e alla protezione civile: da questa mattina sono state dispiegate circa 1.500 persone a causa delle diverse situazioni di danni da maltempo conseguenti alle forti piogge.

2.000 persone senza acqua potabile, 5.000 senza elettricità

A causa di una conduttura danneggiata, circa 2.000 persone a Cengles e Oris (Lasa) e ai Masi della Muta sopra Tirolo sono senza acqua potabile. Gli esperti sono sul posto per controllare e riparare il danno. Attualmente, l’alimentazione elettrica è interrotta in 5.000 famiglie.

100 missioni di volontari dei vigili del fuoco

Gli uomini dei vigili del fuoco volontari sono stati chiamati per circa 100 missioni dalle 8 di questa mattina fino alle 14. Tra l’altro, insieme alla Croce Bianca è stato organizzato un trasporto di bombole di ossigeno per i pazienti.

Ispezioni locali da parte delle commissioni valanghe

Sono stati organizzati voli in elicottero per l’ispezione locale delle commissioni valanghe.

Circa 60 strade chiuse

Importanti strade sono ancora chiuse, come quelle per la Val Badia e la Val Gardena, e la Val Sarentino è raggiungibile solo via Vanga. Il Servizio strade provinciale segnala attualmente circa 60 chiusure di strade. Tutti i passi sono ancora bloccati.

Centro funzionale provinciale: resta il preallarme, mantenere l’attenzione alta

La riunione di oggi della Commissione di valutazione del Centro funzionale provinciale ha preso atto che lo stato di protezione civile resterà al livello BRAVO – preallarme fino alla giornata di mercoledì. Lo riferisce il direttore del Centro funzionale provinciale Willigis Gallmetzer. All’origine di questa decisione c’è il rischio valanghe di livello 4 in tutte le zone della provincia. Per domani sono previste ulteriori precipitazioni fra i 10 e i 20 millimetri, che potranno arrivare a 30-40 millimetri nella zona dell’Ortles, nelle zone meridionali della val d’Ultimo e sulle Dolomiti. La situazione rimane dunque tesa per la possibilità di smottamenti, frane e valanghe di rocce, oltre che per la caduta alberi. Anche il traffico stradale risente del maltempo con rallentamenti e numerose strade chiuse. Si consiglia di mettersi in viaggio solo in caso di effettiva necessità e di prestare la massima attenzione quando ci si trova all’aperto.

Traffico ferroviario ancora in gran parte compromesso

La ferrovia della Val Venosta è in funzione fra Tel e Malles. La linea ferroviaria Bolzano-Merano è riaperta da Ponte Adige. La linea ferroviaria del Brennero è ancora chiusa a causa della frana del Virgolo all’altezza di Bolzano. Neanche la ferrovia della Pusteria funziona. E’ stato attivato ovunque un servizio di bus sostitutivi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136