Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Iseo, Legambiente Basso Sebino non partecipa al bando per le sedi di associazioni: i motivi

mercoledì, 9 settembre 2020

Iseo – Bando per l’assegnazione di sedi alla associazioni del Terzo settore. Ecco la lettera del presidente Circolo Legambiente Basso Sebino, Dario Balotta (nella foto), al sindaco Ghitti che spiega perchè non partecipa al bando.

Dario - Balotta“Il Circolo Legambiente Basso-Sebino, nel ringraziare l’Amministrazione d’Iseo per la segnalazione del bando di assegnazione di locali di proprietà comunale, comunica che non vi può partecipare. Siamo comunque grati per averci invitato al bando e fatto visionare gli eventuali locali, prima della pubblicazione del bando stesso.

Nell’occasione è emerso che non c’è nessuna preclusione nei confronti del circolo del basso Sebino, a differenza della passata amministrazione comunale guidata da Riccardo Venchiarutti che, tra i primi atti della sua attività, con una banale scusa, ci ha “sfrattati” dal locale allora in uso. La stanza peraltro ci era stato assegnata dall’attuale Sindaco che a quell’epoca era in carica, in comodato gratuito. Il costo d’affitto e altri oneri stabiliti dal bando per il locale presso l’Arsenale, risulta per noi oneroso come associazione no-profit, in particolare per un circolo che ha come uniche entrate finanziarie il tesseramento dei soci.

Cogliamo l’occasione per segnalare che forse per favorire lo sviluppo delle attività del volontariato locale, sarebbe stato meglio applicare la normativa del codice del terzo settore (d.gls.n.117/17) che al comma 2 dell’articolo 21 recita: “lo Stato, le provincie, le regioni e gli enti locali possono concedere in comodato beni immobili e mobili di loro proprietà non utilizzati per fini istituzionali, agli enti del terzo settore (volontariato). Per lo svolgimento delle loro attività la cessione ha una durata massima di anni trenta, nel corso dei quali l’ente concessionario (associazioni) ha l’onere di effettuare sull’immobile, a proprie spese, gli interventi di manutenzione e gli altri necessari a mantenerne la funzionalità”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136