Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Investimenti di Provincia, Acque Bresciane e ATO nel settore idrico

martedì, 19 maggio 2020

Brescia – Una piano di investimenti per l’intero territorio bresciano. Ecco le novità del progetto Archimede, la spinta dell’acqua. Il presidente della Provincia di Brescia, Samuele Alghisi, insieme ai vertici di Acque Bresciane e ATO, ha presentato il piano di investimenti del Gestore del servizio idrico, all’insegna della ripartenza e della sostenibilità, non solo ambientale.

I CANTIERI - A fine febbraio erano oltre 70 erano i cantieri aperti sia di grandi dimensioni e rilevanza (impianti, grandi collettori), sia di dimensioni più circoscritte (nuove reti, manutenzioni straordinarie impianti) poi gradualmente sospesi in concomitanza delle disposizioni nazionali e regionali per il contenimento dell’emergenza sanitaria. “Uno stop che non ha certo fermato il flusso dei pagamenti e la resilienza della Società a cui la Provincia ha chiesto di mantenere massima attenzione sulle opere in corso e dunque ottemperare agli indirizzi concordati”, dichiara in prima battuta Samuele Alghisi, presidente della Provincia e a capo del comitato di indirizzo confermando ciò che nei fatti Acque Bresciane ha concretizzato sin dal 20 aprile, con l’allentamento delle restrizioni lavorative e riavviando i primi cantieri in massima sicurezza.

Mauro Olivieri 1“E’ così” conferma il direttore tecnico di Acque Bresciane, Mauro Olivieri (nella foto): “A metà maggio il numero dei cantieri attivi ha raggiunto circa il 70% rispetto alla situazione pre covid ed una previsione di investimento da qui a fine anno per un ammontare complessivo di circa 22 milioni di euro”. Un impulso alla ripartenza che sarà possibile “monitorare” mese dopo mese e che è tuttora riscontrabile nella significativa crescita delle procedure di gare in corso tra marzo ed aprile, con oltre 20 milioni di investimenti in fase di aggiudicazione.

A breve saranno aggiudicati i lavori di realizzazione del nuovo depuratore di Barbariga e Pompiano (4 milioni), i lavori per il collettamento fognario di Sellero-Cedegolo-Berzo Demo (4,2 milioni), i lavori per il nuovo depuratore di Mairano (5,5 milioni), l’ampliamento del depuratore di Pozzolengo (3,5 milioni), i lavori di collegamento acquedotto Sulzano-Monte Isola (1,6 milioni). Tutti cantieri che saranno avviati entro l’estate. Nel secondo semestre sono poi previste altre significative procedure di gara di lavori per altri 15 milioni di euro.

Samuele Alghisi BresciaNumeri importanti che rendono conto degli impegni presi con gli stakeholder e di come il gestore possa, nei fatti, rappresentare una vera e propria garanzia nel fronteggiare difficoltà impreviste, come ad esempio quest’ultimo evento pandemico. “La Provincia in questi mesi ha sofferto insieme a tutto il popolo bresciano - prosegue il presidente Samuele Alghisi (nella foto) – ma allo stesso modo e con la stessa fibra ha messo in campo tutte le sinergie possibili affinché i servizi più importanti fossero garantiti senza particolari disagi. Non in ultimo abbiamo chiesto al Gestore di poter consolidare il proprio supporto agli Enti Locali attraverso azioni di compensazione a favore dei cittadini”.

Acque Bresciane ha risposto all’appello con ben 300 mila Euro che, in forma di liberalità, riconoscerà proporzionalmente ai Comuni per il quale gestisce il servizio l’acquedotto così come confermato dal presidente della Società Gianluca Delbarba affiancato dai consiglieri di amministrazione Roberta Sisti e Marco Franzelli: “Abbiamo scelto la sostenibilità come faro delle nostre azioni. Convinti che non ci possa essere sostenibilità ambientale senza sostenibilità sociale, presentiamo oggi questa iniziativa pensata per dare una mano al nostro territorio attraverso il coinvolgimento attivo dei nostri Enti locali nell’individuazione degli utenti meritevoli di un aiuto. Ciò si aggiunge a quanto già in essere con il bonus idrico che nel 2019 è stato pari a 92 mila euro per 3.205 utenze (circa 10.950 persone ). Non si tratta di integrare il Bonus idrico che di per sé segue tutto un suo iter ben definito da Arera e che sarà in questo 2020 triplicato proprio seguendo le nuove direttive, ma bensì di consentire agli stessi Comuni di ampliare la platea dei beneficiari laddove riscontrassero zone di disagio non solo nelle utenze di tipo domestico”.

RISORSE – I fondi, resi disponibili fino al 31 ottobre 2020, (ma applicati anche successivamente in base ai criteri di fatturazione adottati sul cliente) verranno dunque erogati alle Amministrazioni Comunali le quali, attraverso i propri uffici, potranno gestire le richieste di sostegno all’utenza che ne farà richiesta. Sarà poi l’amministrazione stessa a comunicare ad Acque Bresciane l’elenco dei beneficiari e l’importo dell’agevolazione concessa che sarà accreditata nella prima fatturazione utile.

Apprezziamo l’iniziativa di Acque Bresciane” dicono sul fronte ATO per bocca del Presidente Aldo Boifava il quale sottolinea come “questa liberalità, interamente a carico della società, dimostri grande sensibilità nei confronti degli utenti e degli Enti Locali messi in ginocchio da questo evento pandemico. Con piacere accogliamo inoltre la notizia della ripresa di quegli interventi infrastrutturali che abbiamo individuato e contribuito a finanziare con oltre 5 milioni di euro per consentire quanto prima il superamento delle infrazioni comunitarie che interessano il nostro ambito”.

Contributi ArchimedeIn linea di massima il bacino dei destinatari si aggira attorno ai 250 mila (tra cui non solo utenze di tipo domestico ma anche di attività produttive, commercio, artigianato). ATO sottolinea l’attenzione riservata a quelle realtà che, avendo un numero di utenze limitate non avrebbero raggiunto una quota significativa. Ad esse infatti è stato assegnato un plafond minimo di 1.000 euro (a lato un prospetto dei Comuni e rispettive quote).

Desenzano del Garda e Palazzolo sull’Oglio, nella platea degli enti locali interessati, rappresentano un importante riferimento, anche nella fase operativa e d’individuazione delle categorie più colpite da questa pandemia. A questo proposito non mancano le considerazioni in merito. Per Guido Malinverno: “il progetto Archimede ci da’ la possibilità di rafforzare le nostre politiche a sostegno delle fasce più deboli e consolida l’ottimo operato di Acque Bresciane sul nostro territorio, non solo dal punto di vista tecnico e infrastrutturale” e sulla stessa lunghezza Gabriele Zanni “piacevolmente sorpreso dalla sensibilità e attenzione del Gestore rispetto alle contingenze sociali che si faranno via vai più importanti in conseguenza al Covid 19”.

IL BONUS SOCIALE IDRICO: agevolazione destinata ai cittadini a basso reddito e alle famiglie numerose o in difficoltà economiche, che permette di ottenere uno sconto sulla bolletta dell’acqua. L’agevolazione è legata all’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente). La domanda per usufruire del Bonus idrico va rinnovata annualmente.

CHI SONO I BENEFICIARI DEL BONUS? 
Possono accedere all’agevolazione i nuclei familiari con: valore Isee fino a 8.265 euro; valore Isee fino a 20mila euro, per nuclei familiari in cui sono presenti più di 4 figli fiscalmente a carico;
 residenza nell’abitazione per la quale si richiede il bonus.

NOVITA’ Bonus idrico 2020
Dal 1° gennaio 2020 il calcolo del BSI è stato esteso anche ai servizi di fognatura e depurazione ed è così calcolato: (18.25 mc anno moltiplicati per il numero dei componenti il nucleo familiare, moltiplicati per le tariffe a mc di acquedotto, fognatura e depurazione).

COME FUNZIONA L’AGEVOLAZIONE?
Il Bonus Sociale Idrico permetterà di usufruire di uno sconto in bolletta pari al costo di 18,25 mc all’anno (ossia 50 litri al giorno, quantitativo minimo stabilito dalla legge) per ciascun componente del nucleo familiare.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136