Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Gianico: Associazione Libera, al via il campo lavoro

lunedì, 3 agosto 2020

Gianico – E’ iniziato il campo di lavoro di “Libera”a Gianico (Brescia): fino all’8 agosto è in programma campo di lavoro, articolato sull’intera giornata. I giovani e le persone che partecipano a questa settimana del “campo lavoro” sono arrivati ieri pomeriggio e hanno trascorso il resto della giornata nelle presentazioni.

A Gianico c’è un bene confiscato: è un’unità immobiliare per uso abitativo dislocata su 3 piani, confiscata in via definitiva nel 2002 e assegnata al Comune di Gianico nel 2018 ma rimasta occupata fino a febbraio 2020, quando il Comune ne ha acquisito la piena disponibilità.

L’attività della settimana è basata sulle presentazioni di alcuni luoghi inerenti con la mafia, che sarà sempre alternato con laboratori con l’Associazione Tapioca o con delle testimonianze di vittime di mafia, oppure con degli interventi sulla mafia e sui diversi territori. Venerdì 7 agosto – dopo la cena – ci sarà un momento di festa, a chiusura della settimana.

I responsabili del corso di “Libera” sono Tita Raffetti che si occupa dell’attività generale, mentre Orsolina De Rosa seguirà la formazione. In cucina i responsabili sono Renato Musati, Cludio Tonsi, Katia Ornella, Cotti Cometti, Bepi Tagliabue, Franca Garattini. Mentre per quanto riguarda lo staff, quello permanente è composto da Tita Raffetti, Orsolina De Rosa, Chiara Bonomi, Gabriella Franzoni e Berta Arduino, mentre delle uscite se ne occuperanno Augusto Vielmi e Luigino Laini.

I luoghi messi a disposizione dove si svolgeranno i vari incontri sono: la palestra, il centro anziani, il bene confiscato, la biblioteca, l’oratorio e la casa delle associazioni. Oltre a questi luoghi sono state inserite delle visite esterne, in particolare: mercoledì 5 agosto alla sera si terrà una fiaccolata in memoria di Nino Agostino e Ida Castelluccio, venerdì 7 agosto uscita dalle 8 del mattino con un viaggio delle pietre al Parco di Luine e al Castello di Gorzone favorito da Legambiente, a seguire si terrà il pranzo al sacco e al pomeriggio il trasferimento al lago Moro. Durante la settimana ci sarà spazio per la visita alla Mostra Leonardo in 3D.

di Chiara Panzeri



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136