Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Elezioni comunali, Trento green e “grandi progetti”: il programma del candidato sindaco Franco Ianeselli (Siamo Trento)

venerdì, 18 settembre 2020

Trento – Oggi nel tardo pomeriggio la chiusura della campagna elettorale dal candidato sindaco Franco Ianeselli, della coalizione “Siamo Trento”, centrosinistra con il sostegno del Patt.

La mobilitazione inizierà alle 17 in Piazza di Piedicastello, coi comizi di chiusura che inizieranno alle 18, ad intervenire dal palco saranno Silvia Franceschini (PD-PSI), Anna Raffaelli (Insieme per Trento), Nusrat Jahan Khan (+Trento Viva), Marisa Postàl (PATT), Maja Urukalo Franov (Europa Verde Trento), Giulia Casonato (Trento Futura), Sara Alouani (Azione-Unione), prima della conclusione affidata al candidato (qui i dettagli https://fb.me/e/9uk7Zn4Hm).

TEMI E PROGRAMMA
Tra i grandi temi lanciati dal candidato sindaco Franco Ianeselli spicca quella di una Trento green e tra questi figura il Bondone.

“Il grande impianto che da Trento porta sul Bondone è un’opera della quale si discute da decenni e rispetto alla quale ritengo necessario l’intervento – spiega Franco Ianeselli -. Nell’immediato, prefigurando una sua vocazione principalmente turistica, tale da aggiungere una o due giornate alla permanenza media dei visitatori in città, ad esempio in sinergia con la proposta culturale del Muse. In prospettiva, considerato il cambiamento climatico e l’innalzamento delle temperature, ridefinendo e potenziando anche quel  ruolo del Bondone come alpe di Trento che può dare molto in termini di qualità della vita e di sviluppo della città”.

Franco Ianeselli - Trento2E tra gli altri interventi?Vanno recuperati gli immobili abbandonati (a cominciare da quelli pubblici) con accordi con la Provincia, valorizzare cicloturismo, mountainbike ed e-mtb. Recuperare il patrimonio prativo mediante accordi pubblico-privati e prevedere il piano “Trento città agricola” per il potenziamento del biologico e per la promozione del lavoro di coltivatori e produttori locali in ambito commerciale e turistico, anche attraverso le potenzialità del Biodistretto di Trento. Sostenere le iniziative di agricoltura sostenibile e valorizzazione della filiera corta, attuazione degli “Indirizzi di politica agricola comunale” e del progetto “Nutrire Trento”. Molti abitanti del più grande Comune agricolo del Trentino si prendono cura dei propri campi come secondo lavoro. Vanno quindi supportati e facilitati in questa importante azione di custodia del territorio: con servizi comuni come i caricabotte, i miscelatori e i centri di lavaggio e prassi che consentano di operare secondo le leggi, ma senza il peso di oneri burocratici inopportuni”.

Puntate sulla valorizzazione delle aree protette… “Certamente. Va ricostruito – in collaborazione con le associazioni e le strutture Servizio Parchi e Giardini del Comune, Azienda Forestale Trento-Sopramonte e Servizio provinciale per lo Sviluppo sostenibile e le Aree protette – un itinerario di passeggiate e percorsi attorno alla città (il Sentiero del Fersina: dalle sorgenti allo sbocco in Adige, passando dalla Forra dell’Orrido; il sentiero da Piedicastello a Ravina passando a ridosso della Cascata di Sardagna).  Completare il progetto del parco fluviale dell’Adige oltre il quartiere del Muse, creando nuovi percorsi verdi anche nell’area di Piedicastello e zone limitrofe. Contrarietà alla riattivazione della discarica di Sardagna nelle e, nella prospettiva degli interventi specifici di bonifica a Trento Nord, dell’area Ex-Sloi e Carbochimica, definizione con i privati proprietari dei lotti di soluzioni di utilizzo temporanei”.

Franco Ianeselli - Trento 1Iniziative forti? “Promuovere il marchio “Negozio amico del clima”, in sinergia con l’Azienda provinciale per l’ambiente, proseguiremo nel progetto di installazione di solare termico e fotovoltaico negli edifici pubblici, dalle scuole agli uffici comunali, inoltre avvieremo Trento Carbon Negative, uno studio di misure ambientali e di bioeconomia per ridurre le emissioni di CO2 e per contrastare attivamente la crisi climatica”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136