Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Covid-19: Trentino rimosso dalle zone “arancioni” sul sito del Ministero degli esteri belga

mercoledì, 15 luglio 2020

Trento – Grazie ad una rapida azione diplomatica messa in campo dalla Provincia autonoma di Trento, il sito del Ministero degli esteri belga ha rimosso poco fa il Trentino dalle zone “arancioni” ovvero quelle per le quali occorre, una volta rientrati in Belgio, sottoporsi alla quarantena da Covid-19. Per sbloccare la situazione, il presidente Maurizio Fugatti aveva sentito nel primo pomeriggio l’ambasciatrice d’Italia in Belgio, Elena Basile.

Il presidente Provincia Fugatti“Ho immediatamente contattato – ha riferito la diplomatica italiana – il Ministero degli esteri inviandogli i dati corretti sui contagi in Trentino, che mi avete messo a disposizione, facendo presente l’urgenza di intervenire per chiarire quello che appariva come un equivoco, basato su dati, evidentemente, non veritieri che sarebbero stati forniti al Comitato scientifico del Governo belga dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie infettive, che ho subito contattato – ha aggiunto l’ambasciatrice – fornendogli i dati esatti”.

Nel ringraziare l’ambasciatrice per l’interessamento, il presidente Fugatti ha espresso il proprio stupore per quanto accaduto. “I dati trentini – ha spiegato il presidente – sono molto rassicuranti, più di altre realtà italiane e quindi siamo rimasti davvero sorpresi da questa indicazione data dal Ministero belga che riteniamo sia stata frutto di un grosso equivoco”.

“Fortunatamente la cosa si è risolta in breve tempo – ha commentato l’assessore Roberto Failoni – perchè noi siamo un territorio fortemente turistico e quindi c’era molta preoccupazione da parte degli operatori che purtroppo hanno già avuto alcune disdette”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136