Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Cambiamento climatico in Alto Adige: i risultati di una ricerca degli studenti

lunedì, 9 settembre 2019

Bolzano – Cambiamento climatico, gli studenti dal presidente Arno Kompatscher. Consegnati i risultati dello studio finanziato dalla Provincia. L’analisi coordinata da Eurac Research e Uni Innsbruck.

studenti - Kompatscher - clima

(Il presidente Kompatscher con la delegazione degli studenti che ha svolto lo studio nella foto Usp-sf)

Studiare il cambiamento climatico in Alto Adige nell’agricoltura, nell’economia e nel turismo, immaginando soluzioni da mettere in pratica subito. Per un anno è stato questo l’obiettivo di 93 studenti di quattro istituti superiori di Alto Adige e Tirolo nell’ambito del progetto Generation F3 – Fit for future finanziato dalla Provincia di Bolzano. Oggi (9 settembre) una rappresentanza di studenti dei due istituti altoatesini – Liceo dei Francescani di Bolzano e Istituto Tecnico Economico di Ora – ha incontrato il presidente della Provincia Arno Kompatscher alla presenza del direttore dell’Ufficio ricerca scientifica Manuel Gatto, accompagnati dai vertici di Eurac – il presidente Roland Psenner e il direttore Stephan Ortner – presentando loro i risultati della ricerca. Lo studio è stato condotto da 30 gruppi di lavoro coordinati da 34 fra ricercatori e docenti dell’Istituto di Osservazione della Terra Eurac Research e dell’Istituto di geografia dell’Università di Innsbruck.

Cambiamento climatico, effetti su ambiente e agricoltura

L’incremento della zanzara tigre sul lago di Caldaro, la proliferazione delle alghe nei laghi dell’Alto Adige, gli effetti del cambiamento climatico sulle valanghe nel comprensorio sciistico di Obereggen, le trasformazioni della coltivazione delle mele e dell’uva in val d’Adige e l’esigenza di proteggere dalle ondate di calore la fascia più anziana e quella più giovane della popolazione sono alcuni dei temi con cui si sono confrontati gli studenti, che hanno formulato soluzioni creative destinate ai indirizzare la politica di oggi e a ispirare i decisori di domani. “Se la popolazione dell’Alto Adige rinunciasse totalmente all’uso di buste di plastica, in un anno si risparmierebbe l’equivalente di 1,2 tonnellate di petrolio” è stato uno dei risultati cui sono giunti i ragazzi. Nel ricevere il dossier, il presidente Kompatscher ha manifestato apprezzamento nei confronti di un impegno così serio per un futuro sostenibile. “I risultati di questo progetto mostrano che i nostri investimenti in ricerca e innovazione vanno nella giusta direzione, consentendo alla pianificazione politica regionale di ispirarsi alla sostenibilità e al rispetto delle risorse naturali” ha detto il presidente Kompatscher. “Mobilità sostenibile, energie rinnovabili, biodiversità in agricoltura e sistemi di combustione più efficienti nell’industria ma anche i progetti cooperazione in altri continenti sono alcuni dei settori nei quali, con il supporto delle evidenze scientifiche degli istituti di ricerca del nostro territorio e il Piano per il clima, con Giunta ci impegniamo a lavorare per garantire a voi giovani un futuro equo e giusto anche dal punto ambientale” ha concluso il presidente.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136