Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Il volontariato in Alto Adige e la Giornata internazionale

giovedì, 5 dicembre 2019

Bolzano – La Giunta intende rafforzare ulteriormente il volontariato, che ha profonde radici in Alto Adige: oltre 150.000 persone sono impegnate in questo settore. Oggi – 5 dicembre – si celebra la Giornata internazionale del volontariato.

“Il nostro volontariato, svolto nello sport, nella cultura, nella tradizione, nella protezione civile o nel sociale, comunica valori, responsabilizzazione ed autostima. Si tratta di un importante collante che tiene assieme la nostra società. Uno degli obiettivi prioritari della Giunta provinciale è quindi il rafforzamento e la valorizzazione dell’impegno dei cittadini nel volontariato” sottolinea il presidente della Provincia, Arno Kompatscher.

“L’importanza del volontariato è emersa appieno nel corso dei recenti interventi in occasione del maltempo che ha colpito l’Alto Adige – sottolinea l’assessore Arnold Schuler – il volontariato rappresenta una vera e propria colonna della nostra società”.

Alcuni dati sul volontariato in Alto Adige

Gli altoatesini sono impegnati in maniera consistente nel volontariato attraverso 5.300 organizzazioni no-profit. Il 92,9% di coloro che operano in queste organizzazioni (156.473) lo fa a livello volontaristico, solo il 7,1% è rappresentato da collaboratori a tempo pieno. Su 100 abitanti circa 30 sono attivi nel volontariato ed i settori più rappresentati sono la cultura, lo sport ed il tempo libero (62,6%) con 3343 associazioni (dato del 2015). Seguono le 664 organizzazioni (12,4%) attive nel settore del sociale e della protezione civile, nonché le 451 associazioni (8,4%) che appartengono al settore sindacale e delle rappresentanze di categoria. A livello nazionale l’Alto Adige si colloca molto al di sopra della media (9,1 volontari su 100 abitanti). Questi ed altri dati si possono consultare nella pubblicazione edita dall’ASTAT “Rilevamento delle organizzazioni no-profit 2015-16”.

L’apprezzamento degli assessori

Anche nel sociale l’impegno del volontariato è pressoché irrinunciabile e l’assessora competente, Waltraud Deeg, a questo proposito afferma “I numerosi volontari attivi a livello provinciale offrono un contributo importante e concreto alla coesione sociale ed alla solidarietà”. La molteplicità delle attività in cui si esplica il volontariato sociale si sono evidenziate nel corso della recente Fiera del volontariato alla quale hanno preso parte circa 50 associazioni.

Secondo l’assessore alla salute, Thomas Widmann, “il volontariato rappresenta un aspetto fondamentale della nostra società e svolge un ruolo determinante anche nell’ambito della sanità altoatesina, Infatti è grazie ai numerosi volontari che operano in questo settore che la sanità è in grado di far fronte alle crescenti esigenze della nostra popolazione sia nelle strutture che nelle numerose associazioni che affiancano l’attività del personale sanitario”.

Analogo apprezzamento per l’opera dei numerosi volontari attivi nel campo della cultura viene espresso dai tre assessori competenti, Philipp Achammer, Giuliano Vettorato e Daniel Alfreider.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136