Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Paspardo: entusiasmo all'apertura della sagra della castagna

Paspardo (Brescia) - Aperta la sagra della castagna di Paspardo (Brescia), uno degli appuntamenti di maggior richiamo del weekend in Valle Camonica. Nel pomeriggio l'inaugurazione alla presenza delle autorità civili e militari, in particolare il sindaco di Paspardo Fabio De Pedro, i primi cittadini di Cimbergo (Gianbattista Polonioli), Cedegolo (Andrea Bortolo Pedrali), Sellero (Gianpiero Bressanelli), Ossimo (Cristian Farisé), Piancogno (Francesco Sangalli), Darfo Boario (Dario Colossi), il presidente della Comunità Montana di Valle Camonica Sandro Bonomelli, i consiglieri regionali Francesco Ghiroldi e Gabriele Barucco, il senatore Stefano Borghesi, il comandante della Stazione di Capo di Ponte, maresciallo maggiore Luca Davanzo, il parroco don Francesco, Giacomo Tiraboschi produttore di Melaverde, il comitato organizzatore della castagna e centinaia di persone.


L'inaugurazione - condotta da Oscar Taboni - è stata accompagnata dalla banda musicale Capontina e negli interventi del sindaco De Pedro, del presidente Sandro Bonomelli è stata sottolineata l'importanza della sagra, che valorizza un prodotto tipico della Valle Camonica. "La sagra - ha spiegato De Pedro - ha come scopo principale quello di far rivivere le nostre tradizioni esaltando questo frutto delizioso. Far capire alla gente l’importanza che nel passato ha avuto la castagna soprattutto per i nostri piccoli paesi di montagna.

E’ stata fonte essenziale di sostentamento per tantissime famiglie".
VIDEO




VIDEO

Per secoli la castagna è stata il pane dei poveri ed ha sfamato intere generazioni. "Senza dimenticare - ha detto Bonomelli - che raccontando la castagna si promuove un territorio, si fa turismo esaltando così la bellezza della nostra Valle Camonica”.


Durante il weekend ci saranno come sempre numerosi appuntamenti di richiamo e si potranno gustare piatti a base di castagne, come il Pult e Lat, un piatto tipico di Paspardo a base di farina di castagne e numerose altre tipicità.


La sagra, in programma fino a domani sera nel centro storico Paspardo, propone, oltre all'assaggio delle castagne e alla degustazione di piatti a base di castagne, come il Pult e Lat, un piatto tipico di Paspardo a base di farina di castagne e numerose altre tipicità, una serie di appuntamenti e attrazioni con la mostra mercato di prodotti tipici e artigianato e animazione. Sono allestiti nel centro di Paspardo stand con prodotti tipici locali, sculture in legno e oggetti d’artigianato, piccolo museo etnografico con esposizione di attrezzi per la lavorazione delle castagne e del latte, mostra fotografica, intrattenimento musicale itinerante, rievocazione preistorica con laboratori e animazione per bambini.


Durante il weekend è allestito un servizio bus navetta e il trenino rosso condotto da Giovanni Maroni dall'abitato di Cimbergo a Paspardo. La sagra sarà aperta fino domani sera.

Ultimo aggiornamento: 15/10/2022 17:31:53
POTREBBE INTERESSARTI
Trissino (Vicenza) - Il nuovo Campione Italiano Under 23 di ciclismo su strada è Edoardo Zamperini, che taglia il...
L’atleta delle Fiamme Azzurre e della Polisportiva Disabili Valcamonica ​​​​​​​si avvicina a Parigi
lo stato di protezione civile torna al livello Zero-normale, superato il picco di eventi
ULTIME NOTIZIE
Insieme a Debora Fancoli il driver tiranese sbaraglia la concorrenza
Sul posto tecnici Anas, vigili del fuoco e forze dell'ordine