Ad
Ad
Ad

Edolo: gli studenti di Unimont hanno incontrato la professoressa Vincent

sabato, 15 ottobre 2022

Edolo (Brescia) – Speciale esperienza per una ventina di studenti universitari che hanno incontrato la professoressa Audry Vincent dell’Università di Lione. Tre i momenti di confronto: il primo un seminario, aperto agli studenti e al pubblico, dal titolo “Local strategies to bring added value to mountains products” durante il quale ha analizzato il modo in cui si possono sfruttare i diversi marchi di tutela (ad esempio, DOP, IGP, agricoltura biologica) per costruire una strategia per differenziare e portare valori aggiunti ai loro prodotti.

Inoltre Unimont, Polo d’Eccellenza della Statale di Milano, ha coinvolto in un’intera giornata i propri i studenti in un’uscita didattica sul territorio che ha permesso di incontrare Guido Calvi della Comunità Montana Valle Camonica; Oliviero Sisti del Consorzio per la Tutela del Formaggio Silter Dop e Giancarlo Bazzoni del Comune di Cerveno; Paolo Erba, sindaco del Comune di Malegno, gli agricoltori custodi dell’associazione Mais Nero Spinoso, per osservare da vicino le strategie, i progetti e le iniziative messe in atto per lo sviluppo del ruolo delle attività agricole nelle aree montane. Guido Calvi, responsabile del servizio Parco Adamello e tutela ambientale – Comunità Montana di Valle Camonica – ha illustrato i progetti della Comunità Montana a favore della valorizzazione delle piccole aziende agricole di montagna e dei loro prodotti alimentari. Il gruppo si è poi spostato a Cerveno per la visita del vecchio Mulino e del Museo del Silter DOP sotto la guida di Oliviero Sisti direttore del “Consorzio di tutela del formaggio DOP Silter” e di Giancarlo Bazzoni Giancarlo, consigliere comunale di Cerveno.

Nel corso della pausa pranzo gli studenti sono stati coinvolti in un incontro, guidato dalla professoressa Audrey Vincent, per riflettere su quanto appreso nel corso della mattinata.

Nel pomeriggio il gruppo ha avuto la possibilità di confrontarsi con Paolo Erba, sindaco di Malegno e presidente dell’Unione dei Comuni degli Antichi Borghi di Valle Camonica, che ha illustrato i progetti innovativi messi in atto dal piccolo comune a favore della gestione sostenibile e innovativa del territorio montano. La giornata si è conclusa con la visita a Esine del Molino Tognali, in compagnia dei rappresentanti dell’”Associazione mais nero spinoso di Valle Camonica” che hanno presentato la filiera produttiva del mais nero spinoso di Valle Camonica e le strategie di produzione da loro messe in atto.

Nel corso del seminario dal titolo “Innovative agri-environmental approaches for mountain farming systems“, la professoressa Vincent ha evidenziato il ruolo svolto dagli agricoltori nella gestione della biodiversità, presentando le misure agroambientali “result-based” che sono state messe in atto in Francia.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Pierangelo Panzeri - P. IVA 03457250136