Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Edolo, consegnate 54 medaglie d'onore ai familiari di ex internati

Edolo (Brescia) - Sono state consegnate in mattinata a Edolo (Brescia) le medaglie d'onore ai familiari di 54 ex internati militari italiani nei lager nazisti, alla presenza del prefetto di Brescia, Maria Rosaria Laganà e della presidente Anei, Anna Maria Sambuco.


Il Prefetto di Brescia, Maria Rosaria Laganà, ha posto l'accento durante i saluti quanto sia importante in questo momento storico fare memoria. “Mai come in questo periodo bisogna ricordare le tappe della nostra storia che ci hanno portato fino a oggi in una società che vive pacificamente e in maniera solidale, nonostante si sia ancora oggi circondati da paesi che vivono in situazioni conflitto in cui alla fine è la popolazione civile che ne paga le conseguenze. Coloro che hanno affrontato il sacrificio della prostrazioni fisiche e psicologiche vanno ammirati per il grande rigore morale per l’assenza di sentimenti di commiserazione o di vendetta, questo è l’insegnamento più grande che ci hanno trasmesso”
La presedente ANEI, Anna Maria Sambuco, ha parlato dell’enorme importanza del ricordare questi nostri fratelli che ci hanno tramandato la sofferenza dell’internamento; della forza che oggi questo ricordo ci deve trasmettere, forza da trasmettere alle future generazioni perché il riconoscere quello che è stato è dare vero valore al sacrificio dei nostri cari.
Il sindaco Luca Masneri ha sottolineato come nella giornata delle Forze Armate, sia doveroso ringraziare tutti i militari per ciò che oggi fanno per la collettività. Grazie a Anei Valle Camonica per aver censito i 113 internati militari del Comune di Edolo di cui 7 non sono più tornati alle loro case. “La cerimonia di oggi ha il significato di una ricongiunzione col passato della nostra comunità, abbiamo il dovere di ricordare perché ciò che dimentichiamo può tornare. Lo vediamo in questi anni con il ritorno della guerra nel nostro continente, gli avvenimenti del Medioriente: troppo spesso utilizzo delle armi non risolve i conflitti, bisogna combattere non con le armi, ma con la forza dei nostri valori e dei principi di fraternità universale che devono farci dire che esiste sempre una soluzione al conflitto, questo è e sarà il compito delle istituzioni” .

Dei 113 gli internati di Edolo, 7 non sono mai più tornati e due sono morti appena tornati.


VIDEO


VIDEO

La cerimonia si è svolta all'auditorium Don Bosco, alla presenza dei familiari dei premiati, dei sindaci con persone che hanno ottenuto il riconoscimento e autorità militari, in particolare Gian Battista Pasquini (Sonico), Diego Carli (Incudine), Giovanni Ghirardi (Malonno), Sergio Mattioli (Braone), Alessandro Panteghini (Breno), quindi gli assessori di Corteno Golgi, Niardo, Cividate Camuno, Darfo Boario e Pisogne, il consigliere delegato della Provincia di Brescia Paolo Fontana, l'assessore regionale Simona Tironi, i parlamenti bresciani Simona Bordonali e Maurizio Casasco e don Dario Vitali che ha benedetto le medaglie d'onore.


Presenti gli alunni dell'Ic di Edolo, guidati dal dirigente scolastico Giacomina Andreoli, il dirigente scolastico del Meneghini Raffaella Zanardini, le associazioni degli alpini, con il presidente della sezione camuna Ciro Ballardini, il capogruppo di Edolo Egidio Masneri, il comandante della Compagnia carabinieri di Breno, capitano Yuri Abbate, il comandante dei carabinieri Forestali Carmine La Selva, il responsabile dei vigili del fuoco di Edolo Paolo Manenti e le associazioni combattenti e del paese.


Il momento più significativo della cerimonia è stata la consegna delle medaglie ai familiari degli ex internati con i sindaci dei rispettivi paesi al loro fianco.


Gli insigniti

Pietro Arzaroli, Edolo
Mario Bardella, Edolo
Luigi Domenico Basioli, Edolo
Giacinto Bassanesi, Edolo
Martino Bassi, Niardo
Antonio Bezzi, Edolo
Luigi Bezzi, Edolo
Giacomo Brangi, Corteno Golgi
Valentino Calvi, Corteno Golgi
Angelo Comensoli, Edolo
Emilio Comensoli, Edolo
Natale Comensoli, Edolo
Valentino Comensoli, Edolo
Giacomo Cretti, Cividate Camuno
Giovanni Battista Dolcera, Edolo
Amadio Festa, Edolo
Climaco Festa, Edolo
Mario Festa, Pian Camuno
Bortolo Fioletti, Nave
Giacomo Fioletti, Brescia
Giovanni Forchini, Edolo
Alberto Gazzoli, Edolo
Gaetano Gazzoli, Edolo
Giovan Maria Gazzoli, Edolo
Martino Gelfi, Camuno
Giulio Giudici, Edolo
Michele Grassi, Sonico
Amedeo Laini, Pisogne
Mario Lambrucchi, Malonno
Giovanni Magri, Darfo Boario Terme
Giovanni Moles, Edolo
Giuseppe Moles, Edolo
Pietro Antonio Moles, Edolo
Aldo Adamo Mosconi, Edolo
Alessandro Bortolo Pecorelli, Edolo
Attilio Pedrotti, Edolo
Battista Perlotti, Edolo
Giuseppe Perlotti, Edolo
Bortolo Pezzoni, Pian Camuno
Giov Battista Piloni, Edolo
Giovanni Battista Piloni, Edolo
Giuseppe Piloni, Edolo
Stefano Piloni, Edolo
Luigi Giuseppe Ramus, Edolo
Mario Ramus, Edolo
Stefano Richini, Cividate Camuno
Angelo Rossetto, Braone
Battista Sacristani, Incudine
Egidio Salvini, Darfo Boario Terme
Edmondo Simoncini, Edolo
Guerrino Egidio Sterle, Edolo
Giuseppe Tevini, Edolo
Emilio Togni, Edolo
Michele Vitali, Edolo.

di Angelo Panzeri
Ultimo aggiornamento: 05/11/2023 12:06:36
POTREBBE INTERESSARTI
Trissino (Vicenza) - Il nuovo Campione Italiano Under 23 di ciclismo su strada è Edoardo Zamperini, che taglia il...
L’atleta delle Fiamme Azzurre e della Polisportiva Disabili Valcamonica ​​​​​​​si avvicina a Parigi
lo stato di protezione civile torna al livello Zero-normale, superato il picco di eventi
ULTIME NOTIZIE
Sconfitto Hurkacz in finale e primo titolo su erba
Insieme a Debora Fancoli il driver tiranese sbaraglia la concorrenza