Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Corteno Golgi e Petilla d'Aragòn unite dai Nobel Golgi e Ramón y Cajal

Corteno Golgi - Nella Casa Natale di Santiago Ramón y Cajal è stato firmato il patto di gemellaggio tra i comuni di Petilla D’Aragòn e Corteno Golgi che diedero i natali rispettivamente a Santiago Ramón y Cajal e Camillo Golgi, premi nobel per la medicina nel 1906.


A firmare il documento sono stati il Sindaco del borgo camuno Ilario Sabbadini e il primo cittadino del paese Spagnolo Florentino Aguas Arilla.


Alla cerimonia hanno partecipato le autorità del Governo di Navarra, la console onoraria d'Italia con stanza a Pamplona Luciana Schiavarelli, e i discendenti delle famiglie di Camillo Golgi e di Santiago Ramón y Cajal, che si sono scambiati un fraterno abbraccio mettendo una simbolica pietra sopra ai dissapori che i loro facoltosi antenati hanno avuto in passato.


A chiudere l’atto è stato Óscar Pérez Suárez, sindaco di Valdés borgo dell’Asturia che diede i natali ad un altro facoltoso premio Nobel Severo Ochoa. Non è stata una scelta dettata dal caso in quanto, in autunno, sarà ospite nel paese camuno per suggellare un nuovo gemellaggio.


Queste attività l’avvio del progetto della Rete Europea de Villas de Nobel che si pone come obiettivi:


- collegare paesi rurali Europei che hanno dato i natali ad un Premio Nobel


- valorizzare la figura di ciascun Premio Nobel attraverso la promozione congiunta di eventi di divulgazione scientifica, culturale, educativa e turistica


- generare e promuovere incontri sul turismo culturale basati sulla diffusione scientifica


- creare attività di promozione e sviluppo dell'ambiente rurale per combattere lo spopolamento


Al termine della cerimonia, come ringraziamento per l’ospitalità e come simbolo di fratellanza, è stata donata ad entrambi una scultura lignea rappresentante l’Orante: un simbolo emblematico della Valle Camonica che si ritrova spesso nelle incisioni rupestri camune. Così come nella preistoria i nostri antenati hanno lasciato segni nella roccia, così Golgi, Ochoa e Ramón y Cajal hanno lasciato dei segni indelebili nello sviluppo della neuroscienza e della medicina.

Ultimo aggiornamento: 21/03/2023 06:33:52
POTREBBE INTERESSARTI
Originario di Vigo di Cavedine, sarà ordinato domani dal vescovo Lauro Tisi
Rovereto (Trento) - Stato di agitazione all’ex Logrò, proclamato da Flai Cgil e Fai Cisl, dopo il voto unanime...
Al 19enne contestate ben 11 rapine a studenti minorenni
La direttrice di Apt, Daniela Vecchiato: "Manifestazioni per tutti i gusti"
Interventi sulla vecchia palestra e realizzazione di una nuova
Il sindaco Gian Battista Pasquini ha nominato la Giunta: assessori Marco Fanetti e Maruska Poletti
ULTIME NOTIZIE
Merano (Bolzano) - Controllo straordinario dei carabinieri della Compagnia di Merano, con ben 13 pattuglie, procedendo...