Ad
Ad


Coronavirus, si teme la zona gialla da metà dicembre. I dati di oggi in Lombardia e Trentino

lunedì, 29 novembre 2021

Sondrio – Ben prima di Natale, diversi territori italiani potrebbero seguire il Friuli Venezia Giulia, da oggi in zona gialla. Prosegue la crescita dei dati epidemiologici sull’andamento del Covid-19 anche in Lombardia e Trentino. Le previsioni – se il trend fosse confermato – sono di un passaggio in zona gialla tra due settimane per il territorio lombardo, che vede una crescita delle ospedalizzazioni più marcata rispetto alla provincia trentina.

LOMBARDIA, SPETTRO ZONA GIALLA
Il tasso di occupazione delle terapie intensive dal report Agenas è del 6%, quello dei reparti ordinari del 12%, ad oggi sotto le soglie fissate per il passaggio in giallo (rispettivamente 10% e 15%), ma proseguendo nella crescita osservata in questi giorni secondo gli esperti il Natale dei lombardi non sarà con le regole della zona bianca. Qualche speranza in più per il Trentino, che ha l’occupazione nei reparti ordinari all’8%. Per passare in zona gialla, oltre all’incidenza per 100mila abitanti, il territorio interessato deve avere entrambi i parametri sopra la soglia fissata dal Governo Draghi a inizio autunno e ancora in vigore. Tutto sarà determinato dal settimanale monitoraggio dei dati da parte di Iss, Cabina di Regia e Ministero della Salute, il passaggio in zona gialla significherebbe abbassamento delle capienze per diverse attività e obbligo di mascherina all’aperto.

Intanto nelle ultime 24 ore si sono registrati altri otto decessi con un ulteriore aumento dei ricoveri. A fronte di 44.047 tamponi effettuati, sono 851 i nuovi positivi (1,9%). I dati di oggi:

– i tamponi effettuati: 44.047, totale complessivo: 20.395.553
– i nuovi casi positivi: 851
– in terapia intensiva: 99 (+8)
– i ricoverati non in terapia intensiva: 817 (+28)
– i decessi, totale complessivo: 34.357 (+8)

I nuovi casi per provincia:

Milano: 223 di cui 86 a Milano città;
Bergamo: 75;
Brescia: 123;
Como: 58;
Cremona: 18;
Lecco: 16;
Lodi: 10;
Mantova: 38;
Monza e Brianza: 106;
Pavia: 26;
Sondrio: 11;
Varese: 115.

Il bollettino trentino

Il bollettino Apss sulla diffusione del Covid-19 nella Provincia registra nella giornata odierna 64 nuovi casi: 31 positivi al molecolare (su 345 test effettuati) e 33 all’antigenico (su 4.437 test effettuati). I molecolari confermano inoltre 36 positività intercettate nei giorni scorsi dai test rapidi. Anche oggi fortunatamente nessun decesso si è verificato in Trentino a causa del virus; aumentano invece di 3 unità i pazienti nei reparti covid degli ospedali, che raggiungono i 53 ricoveri, con 7 persone in rianimazione. Nella giornata di ieri sono stati registrati infatti 4 nuovi ingressi e una dimissione. I vaccini somministrati hanno raggiunto quota 836.703, di cui 376.286 seconde dosi e 40.984 terze dosi.

Tra i nuovi positivi si registrano 19 casi nella fascia di età 3-19 anni: 2 casi tra 3-5 anni, 9 casi tra 6-10 anni, 5 casi tra 11-13 anni e 3 casi tra 14-19 anni. Ieri le classi in quarantena erano 21. Per quanto riguarda gli adulti, i nuovi casi nella fascia di età tra 19-59 anni sono oggi 35, mentre 10 nuovi positivi si attestano tra gli over 60 e fino ad oltre 80 anni.

Sono 31 in più oggi i nuovi guariti, per un totale di 48.915 da inizio pandemia. I vaccinati con almeno una dose si confermano gli adulti tra 20-49 anni (170.527), seguono i più avanti con l’età, tra 50-59 anni (75.538) e tra 60-69 anni (61.586).

Le autorità sanitarie, rinnovando l’appello alla vaccinazione come strumento fondamentale per il contenimento dell’epidemia, ricordano che nella serata di oggi si aprono le prenotazioni per la maratona vaccinale prevista per 5 giorni, dal 4 all’8 dicembre prossimi. I centri vaccinali distribuiti sul territorio provinciale rimarranno aperti per 18 ore, dalle 6.00 del mattino alla mezzanotte.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136