Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad
 
Ad


Breno, ristampato il secondo volume su “La flora del bacino superiore dell’Oglio”

giovedì, 10 giugno 2021

Breno – Valorizzare il territorio, riscoprendo la flora della Valle Camonica. E’ questo l’obiettivo della Comunità Montana di Valle Camonica che ha deciso di ristampare tre preziosi volumi di Enzo Bona su “La flora del Bacino Superiore del fiume Oglio“. La presentazione è avvenuta oggi, alla presenza dell’autore, Enzo Bona, dell’assessore all’Ambiente e Parco Adamello della Comunità Montana, Massimo Maugeri, e del responsabile del servizio Parco Adamello e Tutela Ambientale, Guido Calvi (nella foto).

“Il gruppo Facebook di Botanica Rhaetica del quale sono amministratore – spiega Enzo Bona, curatore dei volumi – è felicissimo di mettere a disposizione del Parco Adamello i tre atlanti floristici della Flora di pregio, nati dalla documentazione fotografica dei suoi iscritti”. “Questi manuali divulgativi – prosegue Bona – integrano l’edizione scientifica del secondo Atlante della Biodiversità effettuata nel 2019. Rispondono inoltre alla sempre maggior richiesta di natura e stimolano la frequentazione sostenibile di un territorio fragile e splendido, unico per la sua ricchezza floristica”.

“Abbiamo aderito alla proposta di contribuire alla stampa di questo libro che racchiude tanti anni di studi effettuati da Enzo Bona, uno dei massimi esperti delle numerosissime specie botaniche che fanno del Parco dell’Adamello ed in genere della Valle Camonica uno degli scenari più interessanti di tutto il panorama mondiale”, sottolinea l’assessore Massimo Maugeri. “Grazie a lui – prosegue l’assessore – in questi anni ci siamo resi conto della fortuna che abbiamo a vivere in questa Valle e da lì si sta sviluppando sempre di più la volontà politica e civica di valorizzare al massimo queste risorse”.

“Una delle missioni del Parco dell’Adamello è trasferire le informazioni dal mondo scientifico a chi vive il territorio, affinché ne possa comprendere a pieno il valore”, sostiene Guido Calvi. “Con questa azione – aggiunge – si vuole mettere a disposizione del pubblico, con un linguaggio semplice ed efficace, un ulteriore tassello di conoscenza dello straordinario patrimonio naturalistico dell’Adamello”. “L’auspicio è che i tre volumi possano ispirare e guidare sempre più escursioni alla scoperta del nostro territorio”, conclude Calvi.

L’obiettivo di Comunità Montana è promuovere questo grande lavoro per trasmetterlo al maggior numero di persone possibile.




© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136