Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


Accordo legalità edilizia bresciana, Bianchi (Fillea Valle Camonica): “Auspichiamo percorso virtuoso”

giovedì, 17 giugno 2021

Esine – L’edilizia bresciana conferma la propria volontà di essere una filiera improntata alla legalità e alla trasparenza, in grado di garantire alla collettività un costruito di qualità. Con la firma del protocollo d’intesa si rinnova l’accordo fra l’Ispettorato Territoriale del lavoro di Brescia, Ance Brescia, Cassa edile, l’Ente sistema edilizia Brescia e le parti sindacali Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil, per garantire lo scambio di informazioni fra Itl ed enti bilaterali e intervenire a sostegno della lotta contro il ribasso contrattuale, che mina in modo preoccupante l’equilibrio del mercato e la tutela degli interessi del committente, dell’impresa e del lavoratore. 

Dopo la firma del protocollo per la legalità di pochi mesi fa, insieme alla Provincia, continua l’impegno di Ance Brescia e i sindacati verso la costruzione di un sistema sano e virtuoso. Uno sforzo per coinvolgere trasversalmente ogni soggetto del processo del costruito a partire dagli organi istituzionali quali Provincia, Comuni, Prefettura sino a quelli tecnici ed operativi. 

“Mattone dopo mattone stiamo erigendo una struttura solida che si pone come principale promotore di una filiera etica e professionale, con una grande responsabilità verso il mercato e il cittadino. La sana e regolare competizione è, quindi, un fattore imprescindibile per la sicurezza della collettività e promuove direttamente una visione prospettica dell’immagine di un’edilizia virtuosa e sana, capace di costruire qualità e un futuro sostenibile in ogni suo aspetto”, dichiara Fabio Rizzinelli, vicepresidente di Ance Brescia con delega ai rapporti sindacali, riassumendo anche la posizione di Cape ed Eseb, enti bilaterali del Sistema Ance Brescia.

“La firma del nuovo accordo è la conferma di un percorso di collaborazione da parte dell’Ispettorato del lavoro, incentivato da Ance Brescia, la Cassa Edile e i sindacati, già iniziato nel 2018 e confermato quest’anno con la nuova intesa. Il testo del protocollo nazionale, sottoscritto dal Direttore Generale dell’Ispettorato nazionale del lavoro e dal Presidente della Commissione nazionale delle Casse Edili, Edilcasse, è stato preso come punto di avvio per la redazione del nuovo accordo, ed evidenzia la necessità di un dialogo attivo da parte di tutti”, afferma Loredana Pagnozza, direttrice dell’Ispettorato del lavoro di Brescia.

L’attenzione nei confronti dell’applicazione del corretto contratto collettivo nazionale è uno dei concetti chiave regolati ed espressi nel testo, frutto di una visione condivisa dai soggetti coinvolti e di grande interesse anche da parte dei sindacati.

“La sicurezza sul lavoro passa inevitabilmente dal rispetto delle norme in materia di salute e sicurezza, ma parte da un rapporto di lavoro regolare in tutte le sue parti. Non c’è regolarità se vengono meno anche gli altri diritti primari della persona che lavora. Auspichiamo che l’intesa, nello spirito di una reale collaborazione, possa essere il volano per avviare un percorso virtuoso anche per favorire un mercato del lavoro nelle costruzioni basato sulla qualità del costruito, sulla formazione dei lavoratori e sul rispetto dei diritti attraverso l’applicazione corretta del Contratto collettivo nazionale del lavoro e di una concorrenza leale tra le imprese”, sostiene Donato Bianchi, segretario della Fillea Valle Camonica come rappresentante unitario dei sindacati coinvolti nell’accordo.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136