Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Accesso facilitato per persone sorde all’ospedale di Esine

martedì, 26 novembre 2019

Esine – Accesso facilitato per persone sorde all’ospedale di Esine. Iniziativa dell’ASST della Valcamonica presso lo sportello del CUP dedicato (sportello numero 8, al primo piano) e presso il banco informazioni/ritiro referti dell’Ospedale di Esine (sito al piano terra), sono presenti 2 tablet per facilitare la comunicazione tra operatori e persone sorde.

L’iniziativa, finanziata da Regione Lombardia e da ATS della Montagna ed erogata da ASST della Valcamonica, ha lo scopo di favorire la comunicazione e l’autonomia delle persone sorde che si recano in ospedale e che spesso incontrano difficoltà di vario genere, da quelle ambientali a quelle relazionali, nel comunicare agli operatori i propri bisogni. Allo stesso modo tale iniziativa facilita l’interazione tra il personale ospedaliero e l’utenza sopracitata.

Il quadro regionale normativo di riferimento ha tra le azioni previste quella di favorire l’accessibilità ai servizi sanitari e socio-sanitari di persone con disabilità, in particolare persone sorde. I fondi concessi sono stati, quindi, utilizzati per un corso di formazione finalizzato alla comprensione della cultura sorda e per l’acquisto dei due tablet. Il corso di formazione “Avvicinamento alla cultura sorda”, che ha coinvolto operatori del CUP e di altri sportelli (assistenza protesica e front-office), operatori sanitari e socio sanitari, ha fatto luce sulle difficoltà incontrate dalle persone sorde nella comunicazione quotidiana e ha gettato le basi per una migliore comprensione dei loro bisogni. Da tale incontro si è rilevato che nell’ambiente ospedaliero risulta difficile mettere in atto alcune accortezze mirate a facilitare la lettura delle labbra da parte dei sordi, come mantenere una distanza adeguata, non urlare credendo di farsi ascoltare meglio o mantenere un contatto visivo evitando di muovere la testa.

Si è dunque stabilito di utilizzare i fondi ricevuti, oltre che per il corso formativo, anche per l’acquisto dei due tablet al fine di facilitare la comunicazione e limitare gli ostacoli ambientali.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136