Ad
Ad


Ossana, il borgo dei 1600 presepi ha riaperto

domenica, 28 novembre 2021

Ossana – Oltre 1600 presepi realizzati a mano e collocati nei cortili dei più bei palazzi del centro storico, concerti e spettacoli itineranti, decine di casette con i tradizionali mercatini di Natale distribuiti tra la piazza centrale e il Castello di San Michele. E ancora: punti selfie, una “elfoslitta” e la casa di Babbo Natale per rendere indimenticabile l’esperienza per i più piccoli. Ossana, borgo medievale in Alta Val di Sole ha inaugurato la 21a edizione de #Ilborgodei1000presepi, iniziativa organizzata dall’amministrazione comunale e dall’associazione Il Borgo Antico in collaborazione con l’Azienda per il Turismo Val di Sole. Un borgo, 1600 presepi, 22 casette, 50 lanterne accese a mano e 40 giorni di apertura: una manifestazione diffusa nello spazio e  nel tempo che metterà al centro del Natale il presepe e il suo messaggio di rinascita e solidarietà con massima attenzione alle precauzioni sanitarie per contenere il rischio di contagi.

“Come in ogni edizione, questa manifestazione straordinaria e magica è resa possibile grazie a una splendida squadra di operai, volontari e appassionati, che mettono tutta la loro dedizione per la sua riuscita. Ancor di più quest’anno quindi a loro va il mio più profondo ringraziamento. Il loro impegno dimostra la voglia di ripartenza della nostra comunità” ha sottolineato Laura Marinelli, sindaco di Ossana.

Da sabato scorso, i presepi sono visitabili gratuitamente (green pass obbligatorio) dalle 10 alle 22 fino al 6 gennaio 2022. I mercatini, le casette degustazioni saranno aperti dal 4 all’8 dicembre, l’11 e 12 dicembre, il 18 e 19 dicembre 2021 e tutti i giorni dal 24 dicembre 2021 al 6 gennaio 2022. Il Castello San Michele sarà aperto tutti i giorni dalle 12 alle 19 e nelle date di apertura dei mercatini dalle 10 alle 20.

Tante le novità tra le centinaia di opere d’arte esposte. Verrà ad esempio esposta per la prima volta una Natività che ricostruisce in miniatura il centro del borgo solandro e altri che celebrano i masi e le tradizioni di montagna, così centrali nella vita delle popolazioni locali, realizzati con legno locale, recuperando anche vecchie radici degli alberi della zona. Ugualmente legato alle tradizioni è il presepe a grandezza naturale realizzato da un artigiano con il fieno. Come negli anni scorsi, poi, alle Natività realizzate da artisti locali si uniscono anche quelle donate da collezionisti italiani e internazionali, desiderosi di contribuire ad ampliare una raccolta che non ha eguali in Italia.

Cuore del messaggio pro-inclusione e antiviolenza, filo conduttore dell’edizione 2021, sarà il “presepe dei diritti delle donne”: al suo interno, sarà collocata la statuina di una pastorella di colore, Agitu Ideo Gudeta, divenuta simbolo per molte donne grazie alla sua caparbietà e al suo impegno per difendere natura e popolazioni locali. Fuggita dall’Etiopia dopo le sue denunce contro il land grabbing che sottraeva terra ai contadini, in Trentino si era ricostruita un’isola felice, dedicandosi all’allevamento di capre di razza mochena per salvarle dall’estinzione.  La sua forza e la sua passione l’hanno fatta entrare presto nel cuore dei trentini. Ma proprio durante le festività natalizie, Agitu è stata uccisa da un suo collaboratore. L’ennesimo episodio di femminicidio. “Abbiamo scelto di fare di lei la protagonista dei nostri presepi 2021 per non far calare il silenzio sulla sua fine e per tenere alta l’attenzione su un fenomeno che rischia sempre di scivolare in un pericoloso cono d’ombra” ha osservato Marinelli.

Alla cerimonia di inaugurazione sono intervenuti, oltre al sindaco Marinelli, il presidente della Provincia Autonoma di Trento Maurizio Fugatti, l’assessore provinciale al Turismo Roberto Failoni, il presidente di APT Luciano Rizzi, l’assessore regionale Lorenzo Ossanna, la consigliera Martina Loss e il presidente dell’Associazione Il Borgo Antico Luciano Dell’Eva. Ha condotto la serata Alberto Penasa.

IL MESSAGGIO DI FUGATTI

Inaugurata la 21^ edizione de #Ilborgodei1000presepi. In mostra, fra le vie del borgo medievale dell’alta Val di Sole e nei cortili dei palazzi del centro storico, migliaia di natività realizzate a mano, oltre agli immancabili mercatini, spettacoli itineranti e iniziative per i più piccoli. All’evento erano presenti anche il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti e l’assessore provinciale all’artigianato, commercio, promozione, sport e turismo Roberto Failoni.

“Questa mostra è diventata ormai un punto di riferimento a livello internazionale per gli amanti dei presepi e delle manifestazioni natalizie. È merito di questa comunità se qui a Ossana si respira il forte senso del volontariato e dell’accoglienza che si mette a disposizione dell’ospite e delle nostre tradizioni. La cultura – anche quella del Natale – è parte integrante dell’offerta turistica invernale e in Trentino è pronta a ripartire in totale sicurezza. A ognuno di noi il compito di difenderla, vaccinandoci”, ha detto Fugatti.

“I Presepi di Ossana sono ormai una bellissima tradizione nota già da tempo a livello nazionale ed internazionale” ha commentato Failoni. “Merito della cittadinanza che, unita, ha investito anno dopo anno per consolidare un appuntamento unico nel suo genere. Ma è anche un esempio del volto migliore del Trentino. Nel nostro territorio, chi intende ammirare i mercatini e le altre attrazioni turistiche, come anche gli appassionati di sci, può essere certo di trovare le migliori condizioni per trascorrere le proprie vacanze in modo piacevole e sicuro”.

Oltre 1.600 i presepi realizzati a mano e collocati nei cortili dei più bei palazzi del centro storico, concerti e spettacoli itineranti, decine di casette con i tradizionali mercatini di Natale distribuiti tra la piazza centrale e il castello di San Michele. E ancora: punti selfie, una “elfoslitta” e la casa di Babbo Natale per rendere indimenticabile l’esperienza per i più piccoli. Ossana, borgo medievale in alta Val di Sole ha inaugurato l’iniziativa organizzata dall’amministrazione comunale e dall’associazione Il Borgo Antico, in collaborazione con l’Azienda per il Turismo Val di Sole.

Da sabato scorso i presepi sono visitabili gratuitamente (green pass obbligatorio) dalle 10 alle 22 fino al 6 gennaio 2022. I mercatini, le casette degustazioni e il Castello saranno aperti dal 4 all’8 dicembre, l’11 e 12 dicembre, il 18 e 19 dicembre 2021 e tutti i giorni dal 24 dicembre 2021 al 6 gennaio 2022.

Tra le centinaia di opere d’arte esposte, tante le novità. Si potrà ad esempio ammirare per la prima volta una Natività che ricostruisce in miniatura l’intero borgo solandro e altri che celebrano i masi di montagna, così centrali nella vita delle popolazioni locali, realizzati da un artigiano con legno del posto recuperando anche vecchie radici degli alberi della zona. Come negli anni scorsi, poi, alle Natività degli artisti locali si uniscono anche quelle donate da collezionisti italiani e internazionali, desiderosi di contribuire ad ampliare una raccolta che non ha eguali in Italia. E sarà esposto perla prima volta anche il presepe della bottega artigiana “Maddaloni” di Napoli, i cui titolari sono saliti direttamente ad Ossana per allestire il presepe. Un esempio dell’eccellenza di San Gregorio Armeno che conferma il gemellaggio, ormai ventennale, tra la Campania e la valle solandra.

Ma ci sarà spazio anche per un forte messaggio contro la violenza delle donne: uno dei presepi è infatti dedicato ai diritti delle donne; al suo interno, una statuina, alta circa 40 centimetri, raffigura Agitu Ideo Gudeta, etiope rifugiata in Trentino dove si è dedicata all’allevamento di capre di razza mochena, uccisa il 29 dicembre 2020. Un modo per ricordarla e per sottolineare l’importanza di mantenere alta l’attenzione sull’odioso fenomeno dei femminicidi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136