Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


Grande mobilitazione per la ricerca di Sara Pedri tra Cis e il lago di Santa Giustina

sabato, 12 giugno 2021

Taio – Le ricerche di Sara Pedri (nella foto), 31enne, ginecologa scomparsa dal 4 marzo scorso proseguono. Grande mobilitazione anche in questi giorni con centinaia di persone impegnate.

Nella complessa attività di ricerca sempre in atto da parte di personale dell’Arma dei carabinieri, dei vigili del fuoco permanenti e volontari, Soccorso alpino e Protezione Civile. L’attività di ricerca in Val di Sole e Val di Non, partendo da Cis e proseguendo sul lago di Santa Giustina, non trascurando ogni minimo particolare e dettaglio, utilizzando le più sofisticate apparecchiature e strumentazioni, oltre a cani molecolari.

Presenti alla centrale operativa allestita a pochi passi dal ponte di Mostizzolo i carabinieri della Compagnia di Cles, guidati dal capitano Guido Quatrale, che sta seguendo passo dopo passo l’evolversi delle ricerche, raccogliendo ogni elemento utile ai fini dell’inchiesta.

Intanto la Procura di Trento ha aperto un fascicolo, per il momento contro ignoti, per fare chiarezza sulla scomparsa di Sara Pedri.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136