Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-
Venerdì, 23 febbraio 2024

Sofia Goggia ricorda l'infortunio di Ponte di Legno ed Elena Fanchini

Ponte di Legno (Brescia) - La campionessa di sci Sofia Goggia, dopo l'infortunio del 5 febbraio scorso sulla èista Casola di Ponte di Legno, racconta il dolore e parte da una frase: "Se questo è il piano che Dio ha riservato per me, altro non posso fare che spalancare le braccia, accoglierlo e accettarlo” (foto © Alessandro Eccel).


Questa frase, già utilizzata due anni fa a Cortina quando si infortunò prima di Pechino, spiega Sofia Goggia "non è mia ma di Elena Fanchini: la pronunciò durante un’intervista con un sorriso e la sua autentica genuinità -che tanto mi manca! - quando venne a sapere della ricaduta del tumore.

Mi sono ispirata a Lei, l’ho fatta “mia” ed è ciò che mi sono detta quando mi stavano trasportando a Milano in elicottero , con la ferma consapevolezza che quella sgradevolissima sensazione che avevo avuto in pista, quando ancora non mi ero fermata dalla caduta, era veritiera: la mia tibia era rotta e frantumata".
"Mio papà - prosegue - mi ha scritto per messaggio che questo mio dolore non sarà invano ma, anche se poi il tempo mi dirà che lui aveva ragione, attualmente fatico a crederci. Non è un osso che si rompe e non è la, seppur pesantissima, fatica psicofisica del settimo, complicato intervento chirurgico in carriera. Ciò che fa male, davvero male, è quella lacerazione che sento dentro al petto, strappo che solo io posso sentire radicato nel mio profondo, figlio del fatto di essere per l ennesima volta a tu per tu con me stessa in una situazione del genere nonostante gli sforzi , l’impegno e le scelte lavorative affinché la possibilità che questo tipo di avvenimenti potesse accadere, si riducesse al minimo".


Poi aggiunge: "E' l’impossibilità di riuscire solamente , che poi per me è tutto, a vivere “normalmente” la mia passione sugli sci, passione per cui ho lavorato e per cui lavoro assiduamente da una vita intera.
Fa malissimo. Ma bisogna andare avanti. Ma la Elly aveva ragione: per quanto dura sia da accettare questa situazione, non posso fare altrimenti, il senso forse arriverà poi. È “solo” una prova in più. Difficilissima, ma una in più".
"E caro papà - conclude - anche se nel mio cuore mi sembra di essere ferma distesa su quella pista di Ponte di Legno temendo il momento in cui dovrò incrociare gli occhi del mio allenatore, del mio Skiman e del mio preparatore dicendo loro che per quest’anno il Sogno si è interrotto, ti prometto che ce la metterò tutta per far sì che questo dolore terribile non sarà invano".

Ultimo aggiornamento: 23/02/2024 19:19:27
POTREBBE INTERESSARTI
ULTIME NOTIZIE
Lo strudel salato a km zero tipico del Tesino raggiunge i 24,42 metri
Merano (Bolzano) - Alla scuola professionale provinciale per il commercio, l'artigianato e l'industria "Ing. Luis Zuegg"...