Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
 
Ad
Ad
 
Ad


Sci, Coppa del Mondo: la norvegese Lie è la più veloce nella prima prova in Val di Fassa, quarta Delago

mercoledì, 24 febbraio 2021

Val di Fassa – È della giovane norvegese Kajsa Vickhoff Lie il miglior tempo nella prima prova cronometrata della discesa libera della Val di Fassa, che nel weekend farà il proprio debutto in Coppa del Mondo, ospitando una tre giorni del massimo circuito internazionale, primo appuntamento top dopo i recenti Mondiali di Cortina. Foto @Pentaphoto.

Dopo aver conquistato il primo podio della carriera in Coppa del Mondo (il 30 gennaio in superG a Garmisch – Partenkirchen) e aver centrato un quinto posto in superG e un sedicesimo in discesa alla rassegna iridata cortinese, la ventiduenne Lie ha confermato di essere uno dei talenti emergenti più interessanti del circuito e ha fatto segnare il miglior riscontro cronometrico sul tecnico pendio della pista La Volata, particolarmente adatto alle sue caratteristiche. La scandinava ha chiuso la propria prova in 1’25″14, precedendo due delle grandi favorite per le gare del weekend, l’americana Breezy Johnson, staccata di 41 centesimi, e la svizzera Lara Gut-Behrami, che ha saltato una porta, pagando un ritardo di 46 centesimi.

Sulla pista di casa, provata prima dei Mondiali, hanno ben impressionato anche le azzurre, su tutte la ventitrenne gardenese Nadia Delago, ottima quarta a 61 centesimi dalla Lie.

La campionessa del mondo della specialità, la svizzera Corinne Suter, ha chiuso settima con 92 centesimi di ritardo, lei che assieme all’americana Johnson è ancora in corsa per la conquista della Coppa di specialità, terza con 270 punti nella graduatoria comandata dall’infortunata Sofia Goggia (480 punti). Johnson è seconda con 285.

Le altre azzurre si sono piazzate più indietro. La valtellinese Elena Curtoni ha stabilito il 18° tempo, staccata di 1”66, seguita al 19° posto da Federica Brignone (a 1”73) e al 20° da Marta Bassino (a 1”79). Ventitreesima a 2”03 la trentina Laura Pirovano, partita con il pettorale numero 1, 31ª Federica Sosio (a 2”46), 33ª a 2”55 Francesca Marsaglia, con la figlia d’arte Teresa Runggaldier (il papà è l’ex discesista Peter) 37ª a 2”82.

Sosio e Runggaldier sono in corsa per un posto per le gare del fine settimana assieme a Elena Dolmen (46ª a 3”81), mentre Roberta Melesi ha chiuso 59ª a 6”60. Hanno testato la pista della Ski Area Passo San Pellegrino 60 sciatrici provenienti da 15 nazioni.

Domani si replica con la seconda prova cronometrata, con lo start previsto per le 10.15. Da venerdì a domenica (doppia discesa e un superG) in palio ci saranno i punti di Coppa del Mondo.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136