Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-
Sabato, 25 marzo 2023

Pattinaggio di Figura, Mondiali: argento di Guignard e Fabbri nella danza

Saitama - All’alba europea, la Super Arena di Saitama (Giappone) è stata teatro della Free Dance dei Campionati Mondiali 2023 di pattinaggio di figura. Due le coppie di danza italiane impegnate. I Campioni d’Europa in carica Charlène Guignard/Marco Fabbri (Fiamme Azzurre) e Victoria Manni/Carlo Röthlisberger (Accademia del Ghiaccio).


La prestazione perfetta di Guignard/Fabbri nella Rhythm Dance, conclusa al secondo posto con tanto di primato personale, consentiva di coltivare concrete speranze di podio. Gli azzurri hanno completato l’opera nella danza libera, sfoderando una performance superlativa, che ha permesso loro di ottenere un grado di esecuzione altissimo su ogni elemento presentato. Per gli allievi di Barbara Fusar-Poli, semplicemente perfetti sul piano tecnico, è arrivata una sensazionale medaglia d’argento, con tanto di primato personale ampiamente migliorato. Gli italiani sono stati preceduti solo dai quotati americani Madison Chock-Evan Bates, nuovi Campioni del Mondo, ma hanno superato i canadesi Piper Gilles-Paul Poirer, favoriti della vigilia, relegati al bronzo.


Per Guignard/Fabbri, quarti ai Mondiali di Montpellier 2022, è la prima medaglia iridata della carriera. Si tratta della quinta in assoluto per la danza azzurra.

In passato, Barbara Fusar-Poli/Maurizio Margaglio si erano fregiati dell’argento nel 2000 e dell’oro nel 2001; Federica Faiella/Massimo Scali avevano agguantato il bronzo nel 2010; Anna Cappellini/Luca Lanotte avevano conquistato il metallo più pregiato nel 2014.


Le medaglie complessive dell’Italia nella storia dei Mondiali salgono a 14, due delle quali arrivate in questo 2023. Va rimarcato come solo nel 2014, sempre a Saitama, il movimento azzurro avesse ottenuto più di un podio iridato nella medesima edizione.


Allargando lo sguardo a tutte le discipline del ghiaccio, il 2023 si sta rivelando un annus mirabilis. Mai, prima d’oggi, nella stessa stagione l’Italia si era fregiata di almeno due podi iridati in tre differenti ambiti. Le due medaglie di Saitama nel pattinaggio di figura si vanno, infatti, ad aggiungere alle quattro di Seul nello short-track e alle tre di Heerenveen nello speed-skating.


Infine, a puro titolo di curiosità, va rimarcato come Charléne Guignard (33 anni, 224 giorni) e Marco Fabbri (35 anni e 53 giorni) abbiano stabilito un singolare primato di longevità, diventando i pattinatori più navigati ad andare a medaglia nella danza.


L’altra coppia di danza azzurra, composta da Manni/Röthlisberger, ha archiviato la prima apparizione in un Campionato Mondiale sotto bandiera italiana con un 18° posto, confermando la posizione occupata dopo la Rhythm Dance.

Ultimo aggiornamento: 25/03/2023 13:24:22
POTREBBE INTERESSARTI
Livigno – Dopo Flora, fresca di riconferma del titolo Mondiale Junior di Big Air, vinto poche settimane fa proprio sulle...
Egna (Bolzano) - Le autorità competenti del Land Tirolo e delle Province Autonome di Trento e Bolzano hanno diffuso i...
Andalo (Trento) - Ha preso il via oggi con l’allestimento e l’apertura del parco assistenza, con la consegna del...
ULTIME NOTIZIE
Verrà utilizzato in Trentino Alto Adige e Triveneto
Desenzano dle Garda (Brescia) - L’ospedale di Desenzano ha recentemente aumentato l'offerta specialistica aprendo un...
Trento - "Carcere di Trento: a fare le spese del naufragio del progetto è il personale, Si verificano ormai con...