Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


Covid-19, tre morti in Lombardia: numeri sempre più in calo. Cambiano i richiami AstraZeneca e Moderna

lunedì, 14 giugno 2021

Sondrio – In Lombardia prosegue il calo dei numeri sull’andamento epidemiologico Covid-19: tre i nuovi decesso. Continuano a diminuire i ricoverati nelle terapie intensive (-5) e nei reparti (-32). A fronte di 11.699 tamponi effettuati, sono 102 i nuovi positivi (0,8%). In provincia di Lodi e Varese non si registrano contagi. Di seguito il bollettino regionale, sotto le novità di oggi con un nuovo cambio di indirizzo per le vaccinazioni Moderna e AstraZeneca.

– i tamponi effettuati: 11.105.601 (+11.699)
– i nuovi casi positivi: 102
– in terapia intensiva: 109 (-5)
– i ricoverati non in terapia intensiva: 596 (-32)
– i decessi: 33.729 (+3)

I nuovi casi per provincia:

Milano: 42 di cui 25 a Milano città;
Bergamo: 17;
Brescia: 3;
Como: 10;
Cremona: 2;
Lecco: 1;
Lodi: 0;
Mantova: 1 ;
Monza e Brianza: 10;
Pavia: 1;
Sondrio: 11;
Varese: 0

“I richiami di AstraZeneca interessati dalla vaccinazione eterologa e sospesi nel periodo 12-16 giugno, verranno effettuati a partire dal 17 giugno e si andranno a sommare ai richiami già previsti in quel periodo”.

Lo comunica una Nota della direzione generale Welfare alla luce delle decisioni prese dagli organi competenti negli ultimi giorni circa la possibilità di somministrare un vaccino mRNA alle persone che hanno meno di 60 anni e che sono state vaccinate in prima dose con AstraZeneca.

In questo modo sarà possibile effettuare i richiami nei tempi previsti. “Allo stesso tempo – prosegue la Nota – i richiami con il vaccino Moderna previsti dal 21 giugno al 30 giugno (circa 80.000) vengono spostati in avanti di una settimana. Il richiamo sarà fatto cioè 42 giorni dopo la somministrazione invece degli attuali 35. Il criterio adottato è stato quello di non penalizzare in alcun modo tutti i cittadini lombardi che si erano già prenotati per ricevere la prima dose”.

Queste decisioni, al momento, sono valide per il mese di giugno. “Nulla cambia invece – conclude la Nota – per i richiami delle persone over 60 vaccinate in prima dose con Astrazeneca. Come da indicazioni del Ministero della Salute e di Aifa, infatti, il richiamo sarà effettuato con lo stesso vaccino. Tutte le persone interessate da queste modifiche saranno avvisate con sms”.

La DG Welfare ricorda invece che il vaccino da usare preferibilmente nei soggetti con più di 60 anni è quello a vettore virale (AstraZeneca o Janssen).



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136