Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


Allarme dei vigili del fuoco trentini: “Solo 20 euro per la formazione”

sabato, 29 maggio 2021

Trento – “Formazione, solo 20 euro a pompiere”, questo dato, allarmante, è stato reso noto in assemblea, dal presidente della Federazione dei vigili del fuoco volontari del Trentino, Giancarlo Pederiva, che guida la Federazione con 237 corpi, 5500 vigili in servizio attivo (per un totale di 8mila se si considerano anche i complementari), ai quali vanno aggiunti ben 1200 allievi di età compresa tra i 10 e i 18 anni.

L’assemblea si è svolta presso il capannone Fly Music a Besenello (Trento), e tra i punti principali della relazione di Pederiva vi è quello relativo alla formazione. “Per questo settore così strategico chiederemo all’ente pubblico risorse aggiuntive. Attualmente l’importo che la Cassa provinciale antincendi ha destinato alla formazione dei vigili del fuoco volontari trentini supera di poco i 100 mila euro all’anno, quindi 20 euro a pompiere. Un importo che non è sicuramente consono alle esigenze del nostro movimento”. La pandemia, inoltre, ha di fatto impedito lo svolgimento di molti corsi, «mettendo ancora più in risalto le annuali criticità», ha dichiarato il presidente Pederiva.

“Con Raffaele De Col, dirigente generale del dipartimento provinciale di Protezione civile, abbiamo convenuto che il nostro mondo, da un punto di vista della formazione, ha bisogno di una svolta. Per questo abbiamo avviato un discorso per un cambio radicale, individuando nella Scuola provinciale altoatesina di Vilpiano il nostro riferimento”.
Novità anche per quanto riguarda l’allertamento dei corpi: il sistema scelto per questa importante operazione è il Tetra.

“A breve – ha annunciato il presidente – partiranno i bandi di gara sia per la fornitura dei pager, apparecchi cercapersone, sia per il potenziamento della rete Tetra già esistente. Si ipotizza che il sistema diverrà operativo entro il 2022”. Attualmente, accanto agli apparecchi tradizionali, per l’allertamento è attiva anche l’app Telegram.

Sul fronte della sburocratizzazione, risale ai mesi scorsi la decisione del Parlamento di esonerare il mondo dei vigili del fuoco dall’applicazione del codice degli appalti. Ora la Federazione è in attesa che la giunta provinciale emani i regolamenti attuativi per gli acquisti di mezzi ed attrezzature fino ed oltre la soglia di 214 mila euro.

Presenti all’assemblea anche Maurizio Fugatti, presidente della Provincia e assessore alla Protezione civile, il quale ha ringraziato i volontari trentini per il grande lavoro portato avanti nell’ultimo, difficile anno e assicurato il sostegno della Provincia di Trento pr quanto riguarda la formazione, ha evidenziato come il dialogo instaurato negli ultimi mesi abbia l’obiettivo di rendere la Scuola più efficace.

Da parte di Raffaele De Col, invece, è giunto un nuovo invito al rispetto delle regole relativamente alla delicata questione dell’incompatibilità tra le cariche di sindaco e assessore e quella di comandante.
L’assemblea ha quindi salutato e ringraziato l’ex presidente Tullio Ioppi, in carica fino allo scorso autunno. Numerosi tra i progetti che l’attuale comitato di presidenza, del quale oltre a Pederiva fanno parte anche i vicepresidenti Daniele Postal e Luigi Maturi, è chiamato a concretizzare sono infatti stati avviati sotto la sua guida.

La Provincia ringrazia i vigili del fuoco volontari

“I vigili del fuoco volontari, mai come in questa fase di pandemia, si sono dimostrati ancora una volta una delle colonne portanti della nostra comunità trentina. Il ringraziamento va a loro per la grande dedizione dimostrata, in particolare per quelle attività di sostegno e supporto alla popolazione durante tutta la fase pandemica”. Così il presidente della Provincia autonoma, Maurizio Fugatti ha inteso ringraziare le migliaia di vigili del fuoco volontari che nell’ultimo anno e mezzo si sono dedicati, accanto ai tanti interventi di soccorso tipici della loro attività, anche all’aiuto delle istituzioni provinciali per contrastare efficacemente la diffusione del virus.

Il presidente Fugatti ha voluto esprimere la vicinanza della Provincia partecipando all’assemblea dei comandanti della Federazione dei vigili del fuoco volontari del Trentino tenutasi ieri sera, presso il capannone Fly Music a Besenello.

Fugatti ha anche evidenziato, sul tema della formazione degli allievi caro alla Federazione dei vigili del fuoco volontari, che la Provincia autonoma ha instaurato un “dialogo proficuo” sul tema e che “è intenzione della giunta provinciale rafforzare la Scuola provinciale antincendi. Il periodo di Covid non ha aiutato, perché ha comportato uno stop forzato anche alle attività di formazione come questa, la Provincia è sensibile al tema ed è corretto impegnarsi a investire risorse in vista della ripresa post-Covid anche nella formazione dei vigili del fuoco volontari. Entro fine estate saranno condivisi tempi e risorse per la ripresa in forza della formazione”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136