Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Seminario online UniMont Edolo

lunedì, 25 gennaio 2021

Quando:
26 gennaio 2021@17:00–18:00 Europe/Rome Fuso orario
2021-01-26T17:00:00+01:00
2021-01-26T18:00:00+01:00

SEMINARIO ONLINE
Martedì 26 gennaio | Ore 17.00

Attività di monitoraggio di lupo e orso bruno in Provincia di Brescia

Introduce il seminario la prof.ssa Silvana Mattiello, Università degli Studi di Milano.

RELATORI:

  • Anna Maria Bonettini – Biologa, è dipendente della Comunità Montana di Valle Camonica, presso il Servizio Parco Adamello, dal 1996. Si occupa principalmente di gestione faunistica, educazione ambientale, pianificazione territoriale, sviluppo sostenibile. È referente regionale per i grandi carnivori per il territorio del Parco dell’Adamello.
  • Paolo Tavelli – Sovraintendente della Polizia Provinciale di Brescia, per la quale lavora dal 1999, con particolare riferimento alle mansioni connesse alla sorveglianza in ambito faunistico-venatorio e ambientale. Nel 2010 è diventato referente regionale per i grandi carnivori per il territorio provinciale di Brescia.

CONTENUTI:

L’orso bruno, reintrodotto in Provincia di Trento nel 1999, frequenta abitualmente, seppure con presenze sporadiche, il territorio della Provincia di Brescia, in particolare durante gli spostamenti di giovani maschi in dispersione dal Trentino.
Il lupo sta spontaneamente ricolonizzando tutto l’arco alpino a partire da alcuni esemplari che, più di vent’anni fa, hanno risalito l’Appennino. La presenza del lupo in Valle Camonica è accertata dal 2014 e, nel 2019, presso il Passo del Tonale, si è formato il primo branco della Provincia di Brescia.
I due relatori, dopo aver illustrato le principali caratteristiche bio-etologiche delle due specie, passeranno in rassegna i possibili metodi di riduzione dei conflitti tra grandi carnivori e attività antropiche, le tecniche di monitoraggio in corso e la presenza di orso e lupo nel territorio bresciano negli ultimi 20 anni, con una breve disamina della procedura regionale di risarcimento danni.

L’evento è accreditato per il riconoscimento CFP dal Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Lombardia.
Per gli studenti iscritti al corso di laurea in Valorizzazione e Tutela dell’Ambiente e del Territorio Montano il seminario vale 0,25 CFU.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136