Ad

w

Ad
Ad


Rovereto, Festival Informatici Senza Frontiere

lunedì, 11 ottobre 2021

Quando:
21 ottobre 2021@13:55–14:55 Europe/Rome Fuso orario
2021-10-21T13:55:00+02:00
2021-10-21T14:55:00+02:00

Torna a Rovereto da giovedì 21 a sabato 23 ottobre 2021 il Festival di Informatici Senza Frontiere.

La tre giorni di innovazione sociale quest’anno, alla sua 5^ edizione, si intitola D come digitale e affronta contenuti cruciali legati all’impatto che l’innovazione ha sulla società e sul suo sviluppo, con un taglio tutto al femminile per contribuire alla diffusione della cultura delle pari opportunità tra donne e uomini in un settore storicamente sotto-rappresentato dalle donne e al contempo strategico per lo sviluppo economico e sociale del nostro paese. L’obiettivo è quello di mostrare il profilo delle donne nella tecnologia e, nel fare ciò, incoraggiare sempre più giovani donne a intraprendere una carriera nelle STEM.

Una prospettiva di lavoro molto interessante – ha detto l’assessora alla Cultura, politiche giovanili e innovazione, Micol Cossali – Vi è una rivoluzione in corso, accelerata dalla pandemia globale, che richiede attenzione critica, strumenti di interpretazione e di regolamentazione. Cambia il nostro modo di lavorare, di relazionarci con le altre persone, cambiano i nostri comportamenti e anche il nostro modo di pensare. Abbiamo di fronte la sfida di un nuovo umanesimo digitale che sappia mantenere al centro le persone, coniugando tecnologia ed etica in una prospettiva democratica e non escludente”.

Il programma particolarmente apprezzato dal Presidente di Fondazione Caritro, Mauro Bondi, che ha sottolineato l’importanza di un Festival declinato al femminile: “Tutti gli interventi di questo festival meriterebbero di essere seguiti. Mi ero già posto in passato il problema nella società di oggi tra il percepito ed il reale, mentre oggi, l’era informatica ci mette di fronte a nuove complessità, come il rapporto tra il virtuale e il reale”.

Il Presidente dell’Associazione Informatici Senza Frontiere, Dino Maurizio, ha ricordato il percorso del Festival e posto l’attenzione sulla qualità scientifica degli interventi, oltre che sull’importanza della connessione con le realtà sul territorio: “Questo è un Festival rivolto ai cittadini e soprattutto ai ragazzi. Abbiamo costruito un programma che porta a Rovereto le protagoniste del mondo digitale”.

Abbiamo voluto inserire delle attività che possiamo definire trasversali” – ha detto Dalia Macii – “proprio per creare una riflessione più ampia”. Tra gli eventi ricordati dalla Cofounder e Presidente di Impact Hub Trentino, in particolare la Mostra Sensoltre, una serie di percorsi multisensoriali, oltre la vista, tra quadri tattili da ascoltare con tecnologia nfc, allestiti presso la Biblioteca Civica di Rovereto.

Il Direttore di Iprase, Luciano Covi, infine, ha sottolineato l’importanza della connessione con la scuola: “Durante la pandemia abbiamo vissuto l’esperienza della DAD – ha detto – e spesso viene vista con una accezione negativa e parziale, ma si sono aperte nuove possibilità”. “In questo festival viene approfondita una nuova esperienza formativa che coinvolge studenti e professori”. In particolare con Iprase vi sono laboratori che affrontano il tema delle tecnologie digitali in classe, gli strumenti a supporto del processo educativo e il rapporto con i social media all’interno della scuola.

Il festival propone talk, incontri e laboratori – sia dal vivo sia online – e anche una mostra, un film e uno spettacolo teatrale.

I temi trattati grazie alla presenza di ricercatrici e scienziate, rappresentanti delle Istituzioni, professoresse universitarie, giornaliste, filosofe, imprenditrici ed esperte di informatica, sono molto vari. Si parlerà di: implicazioni delle tecnologie digitali sulla nostra vita e sulla società, rapporto fra l’uomo e l’intelligenza artificiale, contrasto al Digital Divide, tecnologia al servizio dei disabili e degli anziani, uso etico e senza stereotipi delle nuove tecnologie e empowerment femminile, utilizzo dei big data, didattica a distanza, deep fake e difesa della privacy online.

Il Festival si svolgerà a Rovereto in corso Bettini e avrà la sua sede principale al Teatro Zandonai. Tutti gli incontri sono gratuiti, ma richiedono prenotazione (per accedere alle sale sarà richiesto Green Pass). La maggior parte degli incontri saranno trasmessi in diretta streaming sul canale YouTube di ISF .

Il programma si può consultare sul sito festival.informaticisenzafrontiere.org.

Del sempre più sottile confine tra reale e virtuale si parlerà con Giulia Boato (Università di Trento) e negli incontri in collaborazione con Iprase. Di come le tecnologie modificano le nostre vite e il modo di interagire parleremo, in incontri diversi, con Tiziana Catarci e Assunta Viteritti (Università La Sapienza). Di come, invece, cambia il nostro modo di lavorare con l’imprenditrice Marina Salamon. Con Alessandra Miata (Capgemini) rifletteremo sulle competenze digitali richieste nel nuovo mondo del lavoro.

Paola Velardi (Università La Sapienza) ci farà conoscere la Gerontecnologia: strumenti e metodi di assistenza domiciliare per anziani, mentre la drammaterapeuta Paola Prefetti racconterà di come i robot NAO sono impiegati nella cura di persone con Alzheimer.

Di Intelligenza artificiale parleremo con Roberta Russo (Hewlett Packard Enterprise) e Rosalia Tatano (Var Group) e degli stereotipi dell’AI con Chiara Ghedini (Fondazione Bruno Kessler) e Rosa Meo (Università di Torino).

La sociologa Luciana d’Ambrosio Marri parlerà di empowerment femminile nelle STEM. Delle implicazioni etiche delle nuove tecnologie discuteremo con Maura Gancitano (Tlon), Paola Inverardi (Università dell’Aquila), Letizia Tanca (Politecnico di Milano). Di privacy e qualità dei dati discuteremo con Pierangela Samarati (Università La Statale di Milano) e con Donatella Firmani (Università La Sapienza). Fosca Giannotti (CNR Pisa) racconterà come avere un uso responsabile delle AI.

Oltre ai 30 talk di approfondimento – in cui si parlerà anche di pandemia, DAD e scuola, Africa – il festival propone, il sabato, laboratori per tutte le età. Ai più piccoli e alle famiglie è dedicato il laboratorio artistico curato dall’Area educazione del Mart. Ai ragazzi dai 9 ai 15 anni quello di coding curato da Hewlett Packard Enterprise, a studenti di scuole superiori e università quello di Wikidata sulle query SPARQL. La mostra Sensoltre ci accompagnerà in una serie di percorsi multisensoriali, oltre la vista, tra quadri tattili da ascoltare con tecnologia NFC.

Giovedì sera ci sarà Picture a Scientist, documentario che racconta quello che le donne sono ancora costrette a subire nel campo della ricerca scientifica.

Venerdì la giornata sarà chiusa da The Mountain, spettacolo teatrale – messo in scena dalla compagnia spagnola Agrupación Señor Serrano – che porta in scena la tecnologia. Una rete di idee, storie, immagini, azioni e concetti: materiali, dispiegati in strati che si mescolano creando connessioni inaspettate. Un’esplorazione ad alto contenuto tecnologico sul mito della verità.

Il festival è organizzato da Informatici senza frontiere in partnership con il Comune di Rovereto. È curato da Impact Hub Trentino e ha il sostegno di Provincia di Trento e Fondazione Caritro, il supporto di Capgemini, Var Group, UniCredit, Gruppo Dolomiti Energia, Generali Italia e Aused. È EcoEvento Trentino, realizzato in collaborazione con Iprase, FBK, Mart e Azienda per il turismo Rovereto e Vallagarina con il patrocinio dell’Università di Trento. Media partner sono cheFare e Luca Sossella editore.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136