Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Edolo, seconda fase del Progetto Alvina: è iniziato il cammino alpino del professor Duranti

Edolo - E' iniziato oggi da Edolo (Brescia) il cammino del professor Marcello Duranti: in 55 tappe percorrerà la via Alpina da Edolo a Montecarlo passando da Valtellina, Grigioni, Vallese, per poi rientrare in Italia e dalla Valle d'Aosta scendere fino al Mediterraneo.


"E' un grande progetto - spiega il professor Marcello Duranti, docente del corso di laurea in Valorizzazione e Tutela dell’Ambiente e del Territorio Montano all'Università degli Studi di Milano - che ha l'obiettivo di unire l'arco alpino, scoprendo i sentieri e le vie che nel corso dei secoli sono state percorse da viaggiatori ed escursionisti".


IL PROGETTO - L'iniziativa rientra nel progetto "Alvina", acronimo di "ALpine VIrtual NAtion". Lo scorso anno il professor Marcello Duranti percorse la prima parte, da Trieste a Edolo. Quest'anno la seconda da Edolo a Montecarlo. Partenza dalla sede dell'Università della Montagna quindi viale Derna, poi il sentiero in direzione del Mortirolo. "Il cammino - prosegue il docente universitario - si articolerà in 55 tappe con tre obiettivo: il primo è la scoperta dell'itinerario, il secondo è prendere coscienza e terzo è conoscenza dell'ambiente e dell'habitat".


Fondamentale è camminare in un mondo dove si usano sempre più i mezzi e sempre meno le gambe. "Negli ultimi due secoli - prosegue il docente universitario - siamo diventati un popolo di sedentari: percorrere nuove vie può rappresentare un'occasione per nuovi viaggi di persone e gruppi".


Il lungo trekking che racchiude tutto l’arco alpino, con uno sviluppo complessivo di non meno di 1.500 chilometri di percorso, è al centro del progetto dell'Università della Montagna e l'iniziativa del professor è una testimonianza "di come cultura e scienza possano contribuire a valorizzare questa regione unica al mondo".


Unimont seguirà in diretta il cammino del professor Duranti, localizzerà la sua presenza sulle Alpi e ci sarà una comunicazione diretta.

"Purtroppo - osserva il professor Duranti - ci saranno passaggi in zone con assenza della Rete, canali innevati, zone impervie difficili da raccontare in diretta per l'impegno psicofisico, ma sarà un'esperienza unica"


IL CAMMINO 2017 - E' iniziato oggi da Edolo, con la salita al Mortirolo, il cammino alpino, domani discesa a Tirano e ingresso nella Val Poschiavo, quindi ci saranno i passaggi sulle Alpi svizzere dai Grigioni al Vallese, le Alpi francesi, infine quelle piemontesi e l'arrivo a Montecarlo. "Tutto il materiale fotografico e non che raccoglierò - conclude il docente universitario - sarà messo a disposizione e sarà strategico nell'ottica della Macroregione Alpina".


IL PROGETTO E' ALLA SECONDA FASE
Il Professor Marcello Duranti ha iniziato la 2° fase del suo Progetto Alvina – da Edolo a Montecarlo - che lo porterà a terminare la traversata della regione alpina. La partenza è stata proprio dall'Università della Montagna - sede distaccata ad Edolo dell’Università degli Studi di Milano - che seguirà il Professore lungo tutto il suo cammino.


Il progetto ALVINA è un viaggio di 1.500 km che racchiude l’arco alpino e che vuole richiamare l’attenzione su una regione unica al mondo, quella delle Alpi. Nel 2016 il Professor Marcello Duranti ha compiuto il primo tratto, da Opicina a Edolo, e oggi è partito per intraprendere la 2° parte del cammino per arrivare a Montecarlo. L’Università della Montagna ed Edolo hanno dunque un ruolo rilevante nel progetto: oltre ad avere una posizione strategica al centro delle Alpi, in Valle Camonica, sono infatti testimonianza che scienza e cultura aiutano a contribuire e valorizzare questa regione.


Per questa ragione, UNIMONT ha deciso di seguire il Professor Duranti e di rimanere in contatto con lui, tracciando il percorso del suo cammino con una mappa interattiva che verrà completata e integrata con fotografie e pensieri che racconteranno questa sua fantastica esperienza.

Ultimo aggiornamento: 21/06/2017 16:51:10
POTREBBE INTERESSARTI
ULTIME NOTIZIE
Le decisioni del Questore dopo controlli ed episodi di cronaca
Per verosimili motivi di gelosia: moldavo 48enne arrestato dai carabinieri
Intensificati i controlli dei carabinieri nel capoluogo: il bilancio