Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Il Mart cerniera di un sistema d’arte in Trentino

domenica, 11 agosto 2019

Valdaone – Il Mart cerniera di un sistema d’arte. La proposta emersa dal dibattito tra Sgarbi e Mantovan in Valle del Chiese.

La cultura è oggi fonte di ricchezza anche in chiave turistica? Anche per i piccoli territori quali la Valle del Chiese? La risposta, affermativa, è uscita dall’incontro Altro tempo che a Forte Corno (Valdaone) ha visto confrontarsi il critico d’arte e superpersonaggio televisivo Vittorio Sgarbi e il giornalista Paolo Mantovan. Se da un lato la Valle del Chiese deve cercare una propria identità turistico-culturale – è stato detto – parallelamente può e deve nascere una sinergia con significative realtà locali e nazionalia (Failoni, Mantovan, Decarli e Sgarbi ad AltroTempo © foto Jury Corradi).

Failoni, Mantovan, Decarli e Sgarbi ad AltroTempo © foto Jury CorradiÈ il caso del Mart, di cui Sgarbi è presidente, che a giudizio di Paolo Mantovan deve puntare a creare dei forti legami artistici con i territori del Trentino, allo scopo di far nascere una rete capace da un lato di attirare nuovi turisti e dall’altro di stimolare i turisti già presenti sul territorio provinciale a visitare le collezioni momentanee collocate nei vari ambiti e quindi il Mart.

La proposta ha trovato d’accordo sia la parte culturale – Sgarbi ha anche accennato a future Mostre in calendario al Museo di Trento e Rovereto – sia la parte politica rappresentata dal presidente della Provincia Maurizio Fugatti e dall’assessore Roberto Failoni. Entrambi hanno voluto presenziare all’appuntamento promosso dal Consorzio Turistico Valle del Chiese con il suo braccio specializzato della Cultura, il Comune di Valdaone e il Bim del Chiese, con il supporto di varie realtà locali e di volontariato. Presenti tra gli altri il presidente del Bin Severino Papaleoni, della Comunità Giorgio Butterini, la sindaco Ketty Pellizzari e il past presidente del Ct Massimo Valenti. Dopo i saluti dell’assessore Failoni e della vicepresidente del Ct e vicesindaco Nadia Baldracchi è stata Maddalena Pellizzari a citare alcuni esempi di opere significative, stupendo lo stesso Sgarbi come nel caso della tela di Mazzoni ospitata nella parrocchiale di Daone.

E non a caso, quindi, tra le grandi opportunità vi sono certamente le chiese, anche quelle che sembrerebbero minori, con i loro capolavori talvolta non adeguatamente valorizzati, ma anche i Castelli e i Forti. Questi ultimi – nel Chiese con i Forti Corno e Forte Larino – a giudizio di Sgarbi sono contenitori ideali per ospitare soprattutto esposizioni d’arte moderna. Scendendo più nel dettaglio si è parlato anche della possibile collaborazione Tra Mart e San Barnaba, la chiesetta a Bondo che da anni ospita rassegne d’arte di un certo pregio e grazie all’amministrazione comunale di Sella Giudicarie ha in atto una partnership proprio con il Mart: sul piatto anche una possibile mostra dedicata a Luigi Bonazza e Gustav Klimt – parole di Sgarbi – che, questa la richiesta avanzata nell’evento di Forte Corno, potrebbe avere un’appendice proprio in Valle del Chiese.

Ma l’incontro ha avuto suggestioni di arte nazionale e internazionale legate ai racconti di Vittorio Sgarbi, in qualche modo legati alla rassegna dei capolavori della propria famiglia ospitati sino all’autunno a Castel Caldes. Non a caso, in platea a fianco della presidente del Consorzio Valle del Chiese Daiana Cominotti c’era il presidente Apt Val di Sole Luciano Rizzi.

Si è parlato anche di Brexit legata all’arte: quando Vittorio Sgarbi ha ricordato il caso di un importante collezionista inglese che ha deciso di non prestare al Mart delle opere per paura che possano avere problemi al rientro in patria. Ciò esclusivamente per ipotetici problemi burocratici connessi proprio all’entrata in vigore della Brexit e quindi al ritorno di vecchie barriera doganali. Un tema certamente inedito tra quelli sono citati in tema di Brexit.

Al termine Sgarbi sì è complimentato per la scelta di Forte Corno come sede di Alto tempo 2019. È stata una scelta coraggiosa ma premiata dalla presenza di un numeroso pubblico. Un esempio virtuoso che mi ha consentito di scoprire una realtà mai visitata. Una sorpresa anche per il presidente Fugatti rimasto affascinato all’imponenza del Forte, le cui dimensioni interne e le volumetrie lo fanno assomigliare in alcuni punti ad un vero e proprio castello militare. E proprio nel maniero austroungarico gli ospiti hanno potuto assaggiare il Clisium, il nuovo vino bianco autoctono della Valle del Chiese. Merita una degustazione.

La sesta edizione di Altro Tempo è stata organizzata dall’area Cultura del Consorzio Turistico Valle del Chiese con il supporto di Comune di Valdaone, del Consorzio dei Comuni del Bim del Chiese e della Cassa Rurale Adamello Brenta. Importanti le sinergie con accompagnatori di Media Montagna, Associazione La Busier, Vigili del Fuoco di Praso, Carabinieri in Congedo, Associazione Culturnova e Pro Loco di Praso.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136