Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Operazione “Alto Impatto” della Polizia di Trento, controllate 50 persone

venerdì, 22 novembre 2019

Trento – Operazione “Alto imapatto” della Polizia di Stato contro degrado, spaccio di droga e aggressioni in discoteca: controllate 50 persone nel centro storico di Trento.

Nella serata di ieri gli agenti della Questura di Trento su impulso del questore Giuseppe Garramone, hanno svolto una capillare azione di controllo di aree verdi (parchi e giardini) della città nonché di punti scommesse, ubicati nel centro cittadino al fine di contrastare l’illecita vendita al dettaglio di sostanze stupefacenti.

polizia notteIn particolare è stato passato al setaccio da parte della Polizia di Stato, coadiuvata per l’occasione da una unità cinofila del Comando Provinciale di Trento della Guardia di Finanza, il quadrilatero compreso tra la zona di Piazza Portela, via Torre Vanga, la chiesa di Santa Maria Maggiore fino ad arrivare a piazza Dante, via Fratelli Fontana e via Maffei nei pressi dell’Istituto Sacro Cuore.

L’attenzione degli agenti della Questura di Trento si è indirizzata in particolare sui giardini adiacenti i punti scommesse, sale biliardi e internet point dislocati piazza Leonardo Da Vinci, in via Torre Vanga, piazza Portela e piazza General Cantore. Perché segnalati da molti cittadini quali luoghi utilizzati per lo spaccio di sostanze stupefacenti.

All’interno dei punti scommesse sono stati controllati circa 50 soggetti, per lo più stranieri già noti alle Forze dell’Ordine perché indagati per l’illecita vendita al dettaglio di droga.

In due dei punti scommesse controllati sono stati individuati altrettanti soggetti, l’una di sesso femminile residente a Trento, l’altro straniero di nazionalità tunisina ma domiciliato in provincia di Trento, in possesso di sostanza stupefacente, eroina e hashish, prontamente sequestrate. Per i due saranno adottati provvedimenti da parte del Prefetto di Trento in quanto consumatori di sostanza psicotropa. Allo stesso modo nei prossimi giorni saranno al vaglio del Questore eventuali provvedimenti per gli esercizi pubblici controllati, qualora dall’istruttoria in corso dovessero emergere pericoli per l’ordine la sicurezza pubblica.

Già nelle settimane precedenti, sempre su impulso del Questore di Trento, gli agenti della Questura avevano controllato numerosi bar, sale bingo e sale slot aperte nel centro cittadino, in piazza della Mostra e nelle adiacenze di Santa Maria Maggiore. Nel corso dei controlli sono stati trovati all’interno diversi soggetti pregiudicati per reati di furto e droga.

Un altro obiettivo della strategia “Alto Impatto” sono state le discoteche. Nelle scorse settimane un equipaggio della Squadra Volante della Questura di Trento intervenuto nel parcheggio di una discoteca ubicata lungo via Brennero, già recentemente chiusa dal Questore di Trento perché pericolosa per l’ordine la scurezza pubblica. All’esterno della stessa discoteca, nel parcheggio si è consumata un’aggressione ad un cittadino albanese che riportato serie lesioni alla mandibola. Sono in corso indagini da parte della Squadra Mobile di Trento, coordinata dalla Procura della Repubblica di Trento, per risalire all’identità dell’aggressore. Allo stesso modo sono sotto la lente d’ingrandimento del Questore gli stessi fatti per l’adozione di un altro provvedimento di chiusura, qualora dovessero emergere circostanze che anche all’interno della discoteca vi siano stati pericoli per l’ordine e la sicurezza pubblica.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136