Ad
Ad


Tre stranieri arrestati dalla Polizia di Stato in Alto Adige

venerdì, 12 agosto 2022

Brennero – Tre diversi arresti della Polizia di Stato in Alto Adige. Nel primo caso, durante il servizio svolto nel quadro dell’attività di verifica della regolarità degli accessi sul Territorio Nazionale, personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza del Brennero ha rintracciato un cittadino marocchino in ingresso in Italia a bordo del treno EuroCity proveniente da Monaco. Risultando privo di documenti di identità, è stato accompagnato presso gli uffici di via San Valentino 32 per essere compiutamente identificato.

Accertata l’irregolarità del suo ingresso in Italia, i poliziotti hanno deciso di condurlo verso il confine per la riconsegna alle autorità austriache, come previsto dagli accordi bilaterali. In tale frangente, il nordafricano ha reagito violentemente contro gli operatori, che sono riusciti ad immobilizzarlo con fatica. Durante le fasi successive lo straniero si è scagliato nuovamente contro il personale operante, provocando anche delle lesioni personali nei confronti di tre Agenti di Polizia. Per questo motivo è stato tratto in arresto e associato presso la casa circondariale di Bolzano.

LA POLIZIA DI STATO ARRESTA UN CITTADINO TUNISINO RITENUTO RESPONSABILE DI NUMEROSI FURTI A BOLZANO

Personale della Squadra Volante della Questura di Bolzano ha tratto in arresto un cittadino tunisino di 47 anni, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per nove furti aggravati commessi tra aprile e giugno di quest’anno nel capoluogo. Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile, hanno consentito di acquisire numerosi elementi di prova a carico del soggetto, ritenuto responsabile di una serie di furti e tentati furti, commessi scassinando esercizi commerciali della città durante le ore notturne per asportare denaro o altri oggetti di valore presenti all’interno.

LA POLIZIA DI STATO ARRESTA UN CITTADINO STRANIERO, COMMERCIANTE SPACCIATORE

Nell’ambito di uno specifico servizio, una pattuglia della Squadra Volante della Questura di Bolzano ha sottoposto ad un controllo, in una via periferica del capoluogo, un cittadino straniero, che è parso, sin da subito, piuttosto nervoso.

Ricorrendone i presupposti di legge, i poliziotti l’hanno quindi sottoposto ad una perquisizione personale, trovandolo in possesso di un involucro in cellophane contenente 0,7 grammi di cocaina, che teneva occultato in una tasca dei pantaloni, assieme ad un mazzo di chiavi con l’indicazione del negozio di cui è titolare.

Gli operatori della Volante hanno quindi deciso di approfondire il controllo, effettuando un’accurata perquisizione presso l’esercizio che risulta gestito direttamente dall’uomo, al cui interno hanno rinvenuto e sequestrato una notevole quantità di sostanza stupefacente e chiari indizi dell’attività di confezionamento che vi si svolgeva.

Nel piccolo bagno del locale, nascosti all’interno di un sacchetto nero, sono stati trovati 10 “panetti” di “hashish”, avvolti con cellophane trasparente, per un peso complessivo di un chilogrammo, mentre sopra un armadietto della stessa toilette sono stati rinvenuti tre bilancini di precisione ed un involucro in plastica che conteneva circa due grammi di cocaina e diversi ritagli di cellophane utilizzati per confezionare le dosi di droga.

I poliziotti hanno quindi esteso le ricerche agli altri vani del negozio, riuscendo a scoprire diversi nascondigli molto ben congegnati, dove erano occultati una serie di involucri che hanno portato il totale del sequestro a 339 grammi di cocaina, 1.044 grammi di hashish e la somma di 4.400 Euro in contanti, ritenuta provento dell’attività di spaccio. Il cittadino straniero è stato pertanto arrestato in flagranza ed associato presso la locale Casa Circondariale.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Pierangelo Panzeri - P. IVA 03457250136