Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad
 
Ad


Sondrio, 60enne confessa il tentato incendio di Palazzo Martinengo

giovedì, 26 novembre 2020

Sondrio – Clochard arrestato per tentato incendio a Palazzo Martinengo. Le forze dell’ordine, grazie a un testimone, sono riuscite a individuare e arrestare l’autore di un gesto che poteva avere conseguenze più gravi.

Tutto è accaduto alle 20.30 di martedì quando un uomo con precedenti, originario della Campania, e da tempo nel capoluogo valtellinese, ha appiccato il fuoco con una tanica di benzina. Una pattuglia della Polizia Locale ha notato la presenza dei vigili del fuoco davanti a Palazzo Martinengo, sede di uffici comunali ed ha accertato che qualcuno aveva tentato di dare fuoco, con una tanica di liquido infiammabile, al portone del palazzo.

Mentre gli Agenti stavano raccogliendo informazioni dai presenti, un cittadino ha raccontato quanto accaduto poco prima quando stava transitando nella zona un uomo. Rintracciato poco dopo, il 60enne ha confessato ed è stato arrestato per i reati di tentato incendio e danneggiamento di beni pubblici. Nell’interrogatorio avrebbe dichiarato di essere solo, di vivere in una tenda e che nessuno avrebbe dato aiuto in questi anni di difficoltà.




© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136