Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Operazione Carpazi tra Italia e Romania: tre arresti della Squadra Mobile di Brescia

venerdì, 29 novembre 2019

Brescia – Operazione “Carpazi”, sfruttamento della prostituzione: tre arresti in Romania al termine di un’operazione congiunta tra Polizia di Stato italiana e polizia romena.

polizia 2La Polizia di Stato di Brescia, in collaborazione con la Divisione “Sirene” del Servizio Cooperazione Internazionale di Polizia e la polizia romena, nell’ambito di un’indagine, diretta e coordinata dalla Procura della Repubblica di Brescia, ha tratto in arresto, nei giorni scorsi, in Romania, tre cittadini romeni (Mihai A.B. di 24 anni, Iancu M. di 33 anni e Nistor C.A. di 24 anni, mentre un quarto, sempre di nazionalità romena, risulta attualmente ricercato. A loro carico, il G.I.P. del Tribunale di Brescia ha emesso un Mandato di Arresto Europeo ritenendoli responsabili dei reati di estorsione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile di Brescia, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo, sono partite, nel mese di dicembre del 2018, dalla denuncia di una vittima che aveva deciso di affrancarsi dal suo sfruttatore e per questo aveva subito pesanti minacce di ritorsioni.

La conseguente attività investigativa, che si è avvalsa anche di intercettazioni telefoniche ed ambientali, ha fatto emergere che gli indagati, pur essendo domiciliati per lo più nel Paese di origine e recandosi solo periodicamente in Italia, controllavano e sfruttavano, con metodi violenti, la prostituzione di numerose ragazze (11 quelle identificate) che esercitavano il meretricio sia in strada che all’interno di appartamenti della provincia di Brescia, trasferendo, i proventi della prostituzione ai loro sfruttatori mediante money transfer.

Proprio la saltuaria presenza degli indagati in Italia ha imposto una stretta collaborazione, giudiziaria e di polizia, tra le Autorità italiane e quelle romene, finalizzata sia alla compiuta identificazione degli indagati, che alla loro cattura.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136