Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Footgolf, i veronesi dominano la due giorni nazionale in Val Rendena

Bocenago - Sono stati i giocatori veronesi a dominare la due giorni di FootGolf ospitata nel fine settimana al Rendena Golf Club di Bocenago: sabato è stato Fabio Cordioli di Villafranca (in gara con i colori del FootGolf Mantova) a vincere il Lega Championship FNL previsto originariamente a Rimini in giugno e poi cancellato a causa della situazione Covid; Domenica a brillare nel terzo Open del Trentino, ormai classico confronto annuale divenuto un importante riferimento anche in campo nazionale e organizzato direttamente da Trentino FootGolf, è stato Loris Marsotto (FootGolf Verona | -9). Curiosità, entrambi i vincitori hanno fatto segnare uno score di -9 sul par del campo del Trentino.


fooNel Lega Championship FNL di sabato sul podio sono saliti anche Paolo Giuffrè (Bluemoon Milano |-7) e Alessio Cordioli (Rimini FootGolf | - 6). Quarto il ligure Andrea Colombi, sempre a -6. Giornata complicata per i rappresentanti del Trentino FootGolf che hanno pagato oltremisura lo scotto dell’impegno casalingo: Roberto Carboni (-2) ha chiuso al 18/o posto, Luca Delle Cave (66/o) e Enrico Giuliani (77/o) entrambi con score di +2.


Domenica a completare il podio del terzo Open del Trentino sono stati Jury Cucchetti (FootGolf Crema | -6) e Paolo Giuffrè (Bluemoon Milano |-6).

Ancora non brillantissimi i rappresentanti di casa costretti a sprecare energie mentali preziose sul doppio fronte agonistico e organizzativo: 25/o Fabrizio Summa (-2) e 33/o Roberto Carbone (-1). Viene invece da Cremona Sara Bettoni vincitrice della categoria Ladies.


Ma i rappresentati dei club del Veneto hanno brillato anche nelle altre classifiche. Il veronese Andrea Zancanella (FootGolf Legnago) ha colto il primo posto tra i senior e che ha contribuito alla vittoria del suo club nella classifica a squadre (con Marsotto, Grigolo, Favero e Perazzini) davanti ai corregionali del FootGolf Treviso (quintetto con Pavan, Spader, Caverzan e Marin) e FootGolf Motta di Livenza (Vattorello, Falcier, Capraro, Sartor, e Basso). Tra i supersenior successi di Cristiano Tomasi (FootGolf Vicenza), di Corrado Gatti e Giuliano Getti (Reggio Emilia FootGolf). Ancora Verona in bella evidenza con il successo di Andrea Novelli (FootGolf Villafranca) tra gli Under.


Sul Green posto a pochi chilometri da Madonna di Campiglio e Pinzolo – da anni sedi di prestigioso ritiri precampionato di Napoli con Maradona, Milan, Inter, Juventus, Roma, Bologna, Torino… – si è confrontato anche un rappresentante significativo del calcio professionistico italiano: il tecnico Michele Marcolini che vanta più di duecentotrenta presenza da calciatore in Serie A con Chievo, Atalanta e Bari. E proprio il recente allenatore del Chievo, con delle interviste Video ha fatto il punto sul FootGolf italiano, sul prossimo Campionato di Serie B e sul Campionato di Serie A (in due risposte) appena partito.

Ultimo aggiornamento: 21/09/2020 17:53:52
POTREBBE INTERESSARTI
Già presentato, assumerà il ruolo il prossimo 1 giugno
Predazzo (Trento) - Sono otto le offerte per la realizzazione del padiglione Musto del Villaggio olimpico presso la...
Il programma degli appuntamenti che danno voce alle imprese e istituzioni locali della provincia
Nuova impresa del gestore del rifugio Mantova al Vioz
Grazie al crowdfunding, la nuova opera dello scultore Martalar in estate
Passo Brocon (Trento) - Grande attesa per la 17a tappa del Giro d’Italia che avrà il suo epilogo ai 1616 metri sul...
ULTIME NOTIZIE
Edolo (Brescia) - Doppio appuntamento per il Polo Unimont, uno a Edolo e l'altro a Roma. Il primo è in calendario domani...
E' la decana del Sebino, mitragliata nel 1944 con i simboli e le chiodature rimaste fino ad oggi