Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Verso un nuovo lockdown, pressing delle Regioni sul Governo: contact tracing inattuabile, tamponi solo a sintomatici?

Brescia - Tempi duri per il Paese, con l'Italia che si avvia verso un nuovo lockdown "mascherato" nel prossimo mese e mezzo. A meno di clamorosi dietrofront, il Dpcm in arrivo permetterà ai cittadini di andare a lavorare e limiterà alle strette necessità gli spostamenti, con limitazioni alle aperture delle attività alle ore 18. Tutte le attività ritenute non essenziali (non si sa bene in base a cosa, visto che milioni di persone ci campano su quest'ultime, probabilmente l'unica colpa che hanno è non avere uno stipendio garantito a differenza di chi sta gestendo la situazione in Italia) verranno limitate al massimo.


Sul fronte "sanitario", come ampiamente prevedibile da mesi, il contact tracing e la politica dei tamponi a tappeto è totalmente insostenibile ed è fallita.

Il Dpcm, atteso per ieri, è slittato anche per divergenze su questo punto: oltre alle chiusure da ripensare, i governatori delle regioni hanno infatti richiesto di sottoporre a tampone solo i sintomatici e i conviventi di chi ha contratto il virus. L'ennesimo elemento che dichiarerebbe una volta di più il fallimento della gestione degli ultimi mesi contrassegnati da limitazioni contraddittorie, inefficaci e controproducenti, che hanno avuto come effetto una catastrofe socio-economica con effetti sul medio-lungo periodo: altro che modello italiano nel mondo...


I PROVVEDIMENTI ASSUNTI NELLA NOTTE


Nella notte il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il nuovo Dpcm con le misure urgenti anti Covid: entra in vigore lunedì 26 ottobre e resta valido fino al 24 novembre. Tra le novità, chiusura alle 18 dei locali pubblici, per la scuola aumento della didattica a distanza almeno per il 75% nelle superiori, gli spostamenti tra Regioni restano liberi, raccomandazione di non spostarsi se non per lavoro o esigenze specifiche, raccomandazione di non incontrarsi in casa con non-congiunti, chiusura di piscine e palestre, sospesi cinema e teatri.

Ultimo aggiornamento: 25/10/2020 09:42:52
POTREBBE INTERESSARTI
Trissino (Vicenza) - Il nuovo Campione Italiano Under 23 di ciclismo su strada è Edoardo Zamperini, che taglia il...
Insieme a Debora Fancoli il driver tiranese sbaraglia la concorrenza
Vento assente per il completamento del secondo Round Robin: i risultati
ULTIME NOTIZIE
Sul posto tecnici Anas, vigili del fuoco e forze dell'ordine
Intervento a Bagolino, l'anziano trasportato in ospedale a Gavardo
Ballottaggio, oggi e domani urne aperte per scegliere il sindaco