Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


I carabinieri trentini hanno celebrato la Virgo Fidelis

venerdì, 22 novembre 2019

Trento – Presso la Chiesa dello “Sposalizio di Maria Vergine”, in questa via San Bernardino, l’Arcivescovo di Trento, Mons. Lauro Tisi, ha celebrato la santa Messa in onore della Virgo Fidelis, Patrona dell’Arma dei Carabinieri.

virgoL’Arma ha ricordato anche il 78° Anniversario della difesa del caposaldo di Culqualber nel 1941, del 1° Battaglione Carabinieri Zaptiè mobilitato, in Africa orientale, e la Giornata dell’Orfano”, che intende rivolgere l’attenzione a tutti quei bimbi, adolescenti e giovani, i quali -per il tragico divenire degli eventi – sono stati privati dell’affetto paterno, con grande e iniquo dolore.

Le tre ricorrenze accomunate dall’etica del dovere, esaltano i valori, che fondano questa Istituzione, nell’accezione di semplicità dei gesti quotidiani di attenzione e di vicinanza al prossimo nel solo intento di compiere ordinariamente ciascuno, e al meglio, il proprio dovere, con la serena coscienza di non fare nulla di speciale, nell’operoso diuturno silenzio.

Anche il Vescovo Lauro, nell’omelia, ha ricordato il senso di prossimità proprio dell’Arma dei Carabinieri, che per la capillarità territoriale con cui si connota su tutto il Paese, materializza il concetto di vicinanza, soprattutto a chi ha bisogno, “per infondere gioia e serenità”, determinando con ciò anche la felicità dell’operatore.

Questa esperienza, monsignor Tisi, ha dichiarato di averla maturata, un anno fa, quando la tempesta Vaia ha portato la sua devastazione nelle valli trentine e a Dimaro, Lui ha potuto vedere l’attenzione verso la perdita di una vita. In quell’occasione il Vescovo ha apprezzato la coesione e la vicinanza degli appartenenti all’Arma che si sono stretti intorno a chi ha subito questa grave perdita, esaltandone l’umanità e la solidarietà.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136