Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Test e quarantena agli asintomatici, "così non funziona". Bassetti: "Caso-Genoa può essere la Waterloo dei tamponi"

Brescia - Scuole che chiudono, dipendenti di aziende isolati e ora il campionato di calcio sconvolto dal "focolaio Genoa". La volontà di tracciare più persone possibili - nonostante una bassa percentuale di essi sia sintomatica - e i meccanismi imposti dalle istituzioni e che stanno proseguendo di tamponi e quarantena ma totalmente insostenibili in caso di riscontro positivo per la prosecuzione della vita ordinaria mettono a serio rischio anche il campionato di Serie A con ipotesi di rinvii di partite già alla terza giornata.


Coi meccanismi in vigore, tutto sembra affidato alla sorte, in assenza di comprovate evidenze cliniche: la "caccia al positivo" si sta rivelando un vero e proprio boomerang, come ampiamente prevedibile, con una marea di asintomatici - molti dei quali non contagiosi - e relativi 'contatti' (magari negativi al virus, senza prova da tampone) rinchiusi in casa.

Sintomatologia, trasmissibilità e veridicità dei test: nonostante le scarne conoscenze su queste questioni a nove mesi dall'inizio della pandemia, l'impostazione non sembra voler cambiare da parte delle istituzioni.


Dopo i primi scricchiolii durante il lockdown, da mesi la comunità scientifica è divisa, con un fronte sempre più crescente che è critico sulle linee guida totalmente distaccate dalla realtà che saranno ancora in vigore anche in Italia non si sa fino a quando.


Il professor Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova, ha commentato il 'focolaio' riscontrato all'interno del Genoa: "Quello che sta accadendo al Genoa potrebbe rappresentare la Waterloo dei tamponi. Rischiamo di far circolare soggetti negativi al tampone ma in fase di incubazione che trasmettono il virus e chiudere in casa altri con tampone positivo che non trasmettono a nessuno. I tamponi possono dare, da una parte una falsa patente di negatività e di liberi tutti e dall'altra produrre un esercito di positivi asintomatici. Occorre rimettere al centro la clinica fatta di segni e sintomi, che unita alla virologia, rimane lo strumento migliore per la gestione della pandemia".

Ultimo aggiornamento: 29/09/2020 12:01:38
POTREBBE INTERESSARTI
Già presentato, assumerà il ruolo il prossimo 1 giugno
Predazzo (Trento) - Sono otto le offerte per la realizzazione del padiglione Musto del Villaggio olimpico presso la...
Il programma degli appuntamenti che danno voce alle imprese e istituzioni locali della provincia
Edolo (Brescia) - Doppio appuntamento per il Polo Unimont, uno a Edolo e l'altro a Roma. Il primo è in calendario domani...
E' la decana del Sebino, mitragliata nel 1944 con i simboli e le chiodature rimaste fino ad oggi
ULTIME NOTIZIE
Il 38enne milanese con altri tre amici era salito dalla Diavolezza
Desenzano  (Brescia) - Nel corso di un mirato servizio antidroga finalizzato a contrastare la diffusione di sostanze...