Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Tagli negli organici scolastici e mancate comunicazioni, protesta dei sindacati in provincia di Sondrio

Sondrio - Tagli nei nuovi organici del personale scolastico nella provincia di Sondrio, i sindacati protestano. In una nota, le segreterie provinciali FLC-CGIL Sondrio, RUA-UIL Scuola Sondrio, CISL Scuola Sondrio "ritengono lesiva dei diritti dei lavoratori la procedura di comunicazione al personale scolastico della condizione di soprannumerario con la conseguente perdita del posto malgrado la mancata pubblicazione degli organici da parte dell’Ufficio XIII Ambito Territoriale di Sondrio".


Secondo le sigle sindacali, "a seguito di una comunicazione avvenuta nella mattinata del 26 aprile 2023 relativa agli organici per l’a.s.

2023/2024, a fronte di una mancata pubblicazione degli organici stessi, l’USP ha inviato una comunicazione agli Istituti che, in base alla graduatoria di Istituto, hanno provveduto a individuare i perdenti posto.


Tale procedura è carente dal punto di vista formale e gravemente lesiva degli interessi dei lavoratori che si vedono costretti ad operare una domanda di trasferimento condizionata in tempi inferiori a quelli previsti dalla normativa vigente e senza alcuna garanzia di correttezza delle procedure adottate; tale prassi risulta foriera di possibili ricorsi lì dove l’amministrazione possa aver adottato scelte non adeguate e corrette, anche tenuto conto che negli anni passati non sono mancati errori e conciliazioni.


Inoltre si rileva la mancata convocazione del GLH provinciale deputato al vaglio delle certificazioni L. 104 degli studenti, al fine di determinare una equa distribuzione delle risorse in organico di Sostegno e, novità per il prossimo anno scolastico, del potenziamento su Sostegno. Tale grave mancanza potrà determinare incongruenze tra le esigenze degli Istituti e le risorse distribuite dal Provveditorato, con conseguenze sulle situazioni occupazionali dei docenti, con la generazione di perdenti posto malgrado un aumento del numero di docenti in organico nella nostra provincia, e sulla erogazione puntuale tempestiva del servizio agli studenti e alle famiglie.


Malgrado la sollecitazione ad una maggiore tempestività da parte dell’amministrazione, vista la comunicazione delle OO.SS. nella riunione di informativa del 26 aprile della necessità di procedere con le operazioni relative ai perdenti posto nel rispetto delle normative e dei diritti dei lavoratori, così come della necessità di atti amministrativi certi e non basati su notizie comunicate in modo non trasparente, siamo nuovamente a lamentare che le relazioni sindacali sono ridotte ad una comunicazione sterile e sintetica, mancante di un adeguato ascolto e confronto che sono il presupposto per garantire che si siano adottate corrette procedure amministrative".

Ultimo aggiornamento: 28/04/2023 06:52:17
POTREBBE INTERESSARTI
Il presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti, ha incontrato il ministro Pichetto Fratin
Grazie al progetto portato avanti da AquiLab e liceo delle arti di Trento e Rovereto
Trento - Ultimo saluto ad Annamaria Frioli, vittima di un incidente in via Maccani a Trento. La donna, di 70 anni, era...
Incontro a Palazzo Trentini con il presidente Claudio Soini
Partenariato di eccellenza tra Maria Cecilia Hospital e Consorzio Melinda sul trattamento di patologie infiammatorie e cardiovascolari
ULTIME NOTIZIE