Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Poschiavo: porte aperte al mulino Aino

L'iniziativa è in programma sabato 1 giugno

Poschiavo - Giornata delle porte aperte al Mulino Aino e al Centro di conservazione dei beni culturali. Da circa vent’anni il Mulino Aino riprende le proprie attività nella tarda primavera dopo una lunga pausa invernale.

I tecnici si sono occupati della revisione e della manutenzione dei sistemi idraulici e meccanici di trasmissione della forza dell’acqua che aziona le nostre strutture artigianali. A inizio giugno è ora di far ripartire le macine e invitiamo la popolazione e gli ospiti della Valposchiavo alla “Giornata delle porte aperte” per scoprire la bellezza delle nostre strutture e – per chi è abituale frequentatore – le diverse novità.

Ha un grande fascino un piccolo mondo antico, ma per renderlo tale occorre molta cura e buona volontà. Grazie ai nostri motivati collaboratori sono stati realizzati negli ultimi mesi diversi interventi, come il ripristino del lavatoio, abbandonato come un rudere negli ultimi decenni del Novecento, e ora ben in vista sul fianco della gora.
Anche tramite il sostegno del Servizio Monumenti del Cantone dei Grigioni è stato inoltre realizzato il restauro del tetto dell’edificio della fucina, intervento da poco terminato e che potete ammirare venendoci a trovare (mulino Aino foto credit Simone Ronzio).

Se oggi tutti possono godere di questo piccolo centro preindustriale è anche grazie al compianto Giovanni Lardelli, che ci ha lasciati nel dicembre 2023. Nelle ultime due decadi del Novecento, lui aveva visto un grande potenziale negli edifici allora abbandonati ed è stato uno dei fondatori dell’associazione Pro Mulino Aino per il recupero del complesso.

Vent’anni fa promosse un concetto di fruizione moderna del mulino legato alle attività agroalimentari e come museo artigianale con le strutture in funzione. In questa Giornata lo vogliamo ricordare per le sue visioni e l’impegno rivolto al Mulino Aino. L’occasione è buona, quindi, per ammirare i lavori svolti e per vedere in funzione le nostre strutture. In questa piccola festa del risveglio delle attività, potete trovare i nostri prodotti, gustare a mezzogiorno la polenta cucinata con le nostre farine e il primo assaggio del “formaggio del barone”. Nei pressi del mulino è inoltre possibile visitare il Centro di conservazione dei beni culturali, con i sorprendenti oggetti delle nostre collezioni.

Giornata delle porte aperte del Mulino Aino e del Centro di conservazione dei beni culturali
Sabato 1° giugno

Ore 10.00-15.00: Apertura
Ore 11.00: Saluto, presentazione degli interventi svolti e ricordo di Giovanni Lardelli
Ore 12.00: Polenta e formaggio
Info: sito web: mulinoaino.ch
Ultimo aggiornamento: 23/05/2024 01:36:01
POTREBBE INTERESSARTI
Caldes (Trento) - Indagini dei carabinieri sull'atto vandalico avvenuto a Caldes e contro la memoria di Andrea Papi....
La musica accompagnerà il nuovo giorno in cinque appuntamenti tra Presena e Corno d'Aola: il programma
ULTIME NOTIZIE
A metà novembre gli avversari saranno i romeni dell'Arcada Galati
La Procura attende le memorie difensive degli indagati