Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Ipotesi lezioni estive nel Governo Draghi, dubbi nel mondo della scuola: le prime reazioni in Valtellina

mercoledì, 17 febbraio 2021

Sondrio – La proposta ipotizzata dal nuovo Governo Draghi di un prolungamento dell’attività scolastica per tutto il mese di giugno divide il mondo della scuola, specie negli istituti in tutt’Italia dove con la Dad le ore perse sono state formalmente poche.

Studenti e docenti del liceo classico Piazzi di Sondrio si sono dichiarati contrari all’ipotesi. La scuola – dicono i presidi e i dirigenti scolastici della Valtellina – “non chiude mai”. Una mediazione porterebbe a intensivi corsi di recupero estivi per gli studenti che sono rimasti più indietro, come avveniva negli anni scorsi, e non solo per gli studenti della scuola superiore, ma anche delle medie ed elementari.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136